Foodtech, con Revoilution l'olio d'oliva è un fai da te
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Foodtech, con Revoilution l’olio d’oliva è un fai da te

Revoilution è il DIY – do it yourself – dell’olio d’oliva. Ha miniaturizzato la più innovativa tecnologia di produzione olearia trasferendola all’interno di un elettrodomestico da cucina (un mini-frantoio) chiamato EVA con il quale avere un olio in modo rapido e automatico da polpa di oliva surgelata.

Antonio Pagliaro è il CEO e Founder di questa startup italiana, la cui tecnologia è il risultato di 3 anni di ricerca e sviluppo, 6 generazioni di prototipi, un team con 100+ anni di esperienza che, grazie al supporto di partner di eccellenza, tre programmi di accelerazione e 700mila euro già raccolti, è riuscito a disegnare un modello pronto per la commercializzazione e fortemente scalabile.

La soluzione risponde a trend alimentari in grande espansione come l’autoproduzione, il consumo di prodotti salutari e la personalizzazione del gusto, che hanno consolidato sul mercato la diffusione di elettrodomestici specifici. La soluzione sviluppata da Revoilution nasce per cogliere l’opportunità di cavalcare la crescita a doppia cifra della domanda di olio di qualità.

L’olio fresco rappresenta una assoluta novità nel panorama del condimento. Una vera innovazione rivoluzionaria la cui qualità proferita, abbinata all’altissima personalizzazione del prodotto, sta attirando l’interesse di chef e appassionati, soprattutto dal settore HORECA. Seguirà la vendita di Eva e Le Polpe nella GDO specializzata senza abbonamento e la crescita tramite Co-marketing con player leader.
L’azienda ha stretto una partnership con una cooperativa di 6000 olivicoltori calabresi, per la selezione e raccolta delle migliori olive, e con una società leader in Italia nel settore del surgelato che si occupa del loro processamento.
La startup è attualmente in crowdfunding su Mamacrowd.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

22 maggio 2018


Articoli correlati
reply