ecosistema

FoolFarm porta il venture building nelle Università

L’iniziativa, denominata Foolers Village parte con la prima attività presso l’Università del Salento a Lecce, presto gli altri atenei con priorità al Mezzogiorno

Pubblicato il 13 Lug 2023

FoolFarm, il venture capital italiano specializzato in soluzioni basate su intelligenza, artificiale, cybersecurity, blockchain annuncia una nuova iniziativa che è stata battezzata Foolers Village.

Il progetto si propone di creare vere e proprie “fabbriche di startup” all’interno delle università italiane, in particolare nel sud Italia e in quelle al di fuori dei consueti circuiti di Milano, Roma e Torino. Un modello di business  che si basa sullo sviluppo di un portafoglio di società innovative ad alto potenziale, accelerate dalla metodologia del venture building e dagli investimenti forniti da FoolFarm.

L’obiettivo è fondare un polo d’innovazione nazionale che mira a valorizzare il patrimonio scientifico e i talenti universitari in settori strategici come, appunto, l’intelligenza artificiale, la cybersecurity e la blockchain.

Nato da una collaborazione con l’Università del Salento, il primo Foolers Village a Lecce è già funzionante. Si prevede l’inaugurazione di altri quattro Village entro la metà del 2024, con possibili candidati che includono gli atenei di Napoli, Sassari e Bolzano. L’obiettivo è avviare una rete di molti atenei interconnessi capace di dar vita alla più grande factory italiana impegnata nella trasformazione delle idee di studenti, ricercatori e PhD in imprese innovative, sul modello delle best practice statunitensi.

Priorità al Mezzogiorno

Con Foolers Village si intende costituire un ecosistema iniziale di 5 università italiane, in grado di valorizzare le competenze locali, coordinate attraverso una holding e un team centrale diretto da Andrea Romiti, manager con esperienza nel settore delle startup e degli investimenti finanziari. La sfida è realizzare un network, prevalentemente nel sud Italia, al fine di sviluppare la più grande scuola d’impresa e fabbrica di idee del Paese.

WHITEPAPER
Sfide e opportunità della digitalizzazione: come si posiziona la tua azienda?
Open Innovation
Startup

L’innovativo polo favorirà l’occupazione territoriale in settori strategici come l’AI, soprattutto nelle aree più esposte alla fuga di cervelli, contribuendo a generare opportunità di business. I Foolers Village sosterranno l’economia nazionale e l’ecosistema dell’innovazione facilitando il trasferimento tecnologico, promuovendo una cultura imprenditoriale e la nascita di nuove startup deeptech. Grazie all’iniziativa verranno immesse sul mercato più di 40 nuove aziende entro il 2028, tutte originate da studenti e ricercatori, prevalentemente in ambito STEM, con un impatto significativo e incrementale.

Il progetto incoraggia anche la partecipazione di partner industriali e finanziari, per concretizzare un modello virtuoso e di valore per gli azionisti.

Le operazioni dei Foolers Village combinano formazione imprenditoriale, contest per la selezione di idee, hackathon, attività di ricerca sviluppata con realtà del sistema produttivo, eventi e iniziative dedicati alle comunità di angel investor. Il modello economico prevede la fornitura di servizi di incubazione e sviluppo di prototipi per le startup interne ed esterne, oltre ai programmi di open innovation.

“I piani di Foolers Village sono ambiziosi: si rivolgono a partner industriali e finanziari per sviluppare un’iniziativa in grado di generare valore per gli azionisti e avere un impatto significativo, soprattutto nel Sud Italia e nelle zone al di fuori dei classici circuiti dell’innovazione – dichiara in una nota Andrea Romiti – . Siamo convinti che la metodologia del venture building abbia grandi potenzialità per trasformare settori e attività chiave per il nostro Paese. Lo facciamo attraverso accordi con le università, luoghi di competenza scientifica e di talenti, valorizzando le specificità locali per massimizzare l’efficienza e le sinergie con gli attori privati e pubblici del territorio”.

“Lecce e il suo territorio, in coda tra le province italiane per redditi pro capite, in cima per nuova imprenditorialità, l’Università del Salento con il nuovo percorso di studi in ingegneria informatica che tratta tutte le deeptech, il contamination lab, il distretto produttivo dell’informatica pugliese, tra i più attivi in Italia, il distretto tecnologico hitech con il suo network internazionale, sono gli ingredienti per un progetto che sa dare struttura alle moltissimi idee emergenti già presenti nei laboratori e tra le persone. Siamo già operativi con un primo nucleo di cinque persone, determinati a crescere”, aggiunge Luca Mainetti, professore associato Università del Salento.

La presentazione di Foolers Village ha visto il coinvolgimenti di rappresentanti del mondo delle istituzioni e accademico tra cui Carlo Abbà, assessore al Comune di Monza, con deleghe a Lavoro, Commercio e Attività Produttive; Alessia Cappello, assessora allo Sviluppo Economico e Politiche del Lavoro del Comune di Milano; Luca Mainetti, Professore Associato Università del Salento; Carola Salvato, CEO Havas Health & You Italia; Alessio Tola, delegato del Rettore per il trasferimento tecnologico Università di Sassari.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link