FrescoFrigo, vending machine del cibo sano, raccoglie 1,2 milioni
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
FrescoFrigo, vending machine IoT del cibo sano, raccoglie 1,2 milioni

FrescoFrigo si definisce la prima startup italiana dedicata all’healthy food, ma è anche una startup retail. Fondata da Tommaso Magnani e Enrico Pandian (startupper seriale, già fondatore di Supermercato24) è nata a settembre 2018 con un’idea di business ben precisa e che sposa l’idea del cibo salutare con un nuovo concetto di retail (1mq), praticamente una vending machine di nuova concezione: piccola, tecnologica, intelligente, di prossimità e accessibile 24/7.

Il round realizzato da 1,2 milioni di euro vede l’intervento di investitori privati: Andrea Dusi, Mega Holding, Futuro Investimenti, Embed Capital, Metrica Ventures, Wonder SpA e il partner industriale Epta SpA (marchio IARP). Il round permetterà a FrescoFrigo un’autonomia di 18 mesi.

Obiettivo: portare entro l’anno 200 vending machine FrescoFrigo (sette sono già operativi) negli uffici (con almeno 150 dipendenti), palestre, università, ospedali e business hotel, location eventi.

‘I numeri del delivery food italiano sono in costante crescita, 11% annuo per un valore di 2,4 miliardi e le persone che mangiano fuori casa sono oltre 7 milioni, praticamente assumiamo sempre di più cibo che non cuciniamo e la qualità degli alimenti diventa indispensabile per migliorare il benessere delle persone. A questa esigenza risponde FrescoFrigo’ hanno dichiarato i due fondatori, Pandian e Magnani.

Come funziona una vending machine FrescoFrigo

FrescoFrigo è un frigorifero IoT dal design attualmente piuttosto standard: viene riempito con prodotti freschi e di qualità pensati per le necessità delle persone attente al proprio benessere e stile di vita, che prediligono un’alimentazione sana, naturale e a km zero. L’offerta di cibo è curata e realizzata da laboratori di cucina e ristoranti di prossimità, al massimo 500 metri dall’ubicazione dei frigo, con refil giornaliero entro le ore 10.30 della mattina e ritiro dei prodotti in scadenza.

Grazie alla tecnologia IoT di cui sono dotate queste vending machine il fornitore-ristoratore può monitorare lo status del frigo, modificare il refil in base al gradimento dei singoli prodotti e migliorare così l’offerta, personalizzandola in base alle preferenze dei consumatori.

La complessità dell’inventario degli alimenti, dai 140 ai 200, differenziati per i vari momenti della giornata, (dalla colazione, al pranzo, passando per la pausa pomeridiana sino agli spuntini serali) e le procedure di acquisto e pagamento sono gestite da dispositivi integrati capaci di leggere l’RFID dei cibi (identificazione di informazioni automatica collegata ad etichette elettroniche), mentre i consumatori grazie all’app FrescoFrigo (o una card), gestiscono il wallet digitale (pagamenti e inserimento dei ticket restaurant digitali) sbloccano la porta del frigo e scelgono cosa mangiare, il sistema rileva l’operazione e addebita al cliente il costo del prodotto. La scelta è infinita dai piatti pronti agli snack, dai dessert ai succhi e tanto altro ancora.

 

Il modello di business di FrescoFrigo

Il ricavo annuo per ogni frigo è stimato in 50K di euro, ogni gestore sostiene il costo di acquisto iniziale del frigo personalizzato (circa 900 euro), un noleggio mensile e le revenue sul venduto, ma può contare su una delivery ottimizzata, un solo rifornimento giornaliero per tutte le location fornite, con conseguente risparmio di risorse (mezzi e persone) e l’offerta ai propri clienti di soluzioni healthy food a due passi dalla propria postazione di lavoro, sempre pronte e disponibili in qualsiasi momento della giornata.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

09 maggio 2019


Articoli correlati
Video Consigliati
reply