report

GSER 2024, tutti i numeri degli ecosistemi startup nel mondo

La nuova edizione del Global Startup Ecosystem Report di Startup Genome ridisegna le classifiche degli ecosistemi a supporto dell’innovazione a livello globale

Pubblicato il 10 Giu 2024

Il Global Startup Ecosystem Report 2024 (GSER) di Startup Genome e del Global Entrepreneurship Network è stato presentato in occasione della Tech Week di Londra, in collaborazione con il Founders Forum, Informa Tech e London & Partners. Presentato da Stephan Kuester, managing partner di Startup Genome, il GSER analizza i dati di oltre 4,5 milioni di aziende in più di 300 ecosistemi di innovazione imprenditoriale e presenta classifiche che indicano quali ecosistemi stanno attualmente guidando l’innovazione e una conoscenza approfondita delle tendenze delle startup in tutto il mondo.

Tra i dati di questa edizione figurano il notevole calo dei finanziamenti VC globali, la forte diminuzione dei valori delle exit, la scarsità di IPO, la resilienza degli investimenti cleantech e l’impennata dei finanziamenti per l’IA generativa. Il rapporto offre anche approfondimenti sulle dinamiche in evoluzione dei finanziamenti di serie A, con una potenziale modesta ripresa degli investimenti nelle fasi iniziali osservata nel primo trimestre del 2024.

I punti principali del report

L’importo dei finanziamenti di serie A nel 2023 è diminuito del 46% rispetto al 2022, e il valore delle grandi exit (oltre 50 milioni di dollari) è sceso del 47% nello stesso periodo. Il primo trimestre del 2024 ha registrato un importo di finanziamenti di round serie A e un numero di operazioni più elevato rispetto al quarto trimestre del 2023. Il numero di nuovi unicorni nel 2023 è diminuito del 58% rispetto al 2022 e dell’87% rispetto al picco del 2021. Con 15 unicorni, la Silicon Valley è di nuovo in testa a tutti gli ecosistemi per il maggior numero di nuovi unicorni nel 2023, anche se in calo dell’80% rispetto al 2022. Gli ecosistemi delle startup di Tashkent, Lione e Renania hanno visto la nascita dei loro primi unicorni nel 2023.

WHITEPAPER
Scopri i 5 punti chiave per dare una svolta al tuo business con la digital transformation
Startup

Nel 2023, più della metà dei nuovi unicorni si trovava nei sottosettori genAI e deeptech, un tasso più elevato rispetto al 2021.

Le startup cleantech in fase avanzata hanno raccolto 2,5 volte più finanziamenti nel 2023 rispetto al picco del 202. L’Europa ha superato gli Stati Uniti e la Cina in termini di crescita dei finanziamenti cleantech di serie A dal 2021 al 2023.

L’IA generativa ha registrato un’impennata dei finanziamenti, con quasi il 20% di tutti i finanziamenti VC nel 2023 destinati a startup incentrate sulla genAI. Nel 2023 i finanziamenti VC genAI sono aumentati di tre volte rispetto al 2022 e il numero di operazioni è quasi raddoppiato. Nel 2023, la quota di finanziamenti di serie A per i primi 40 ecosistemi classificati da GSER 2024 è stata del 65%, in calo rispetto al 79% di questi ecosistemi nel 2019. La quota di finanziamenti di serie A per i primi 100 ecosistemi emergenti ha raggiunto il 19% nel 2023 rispetto al 13% del 2019: La Silicon Valley rimane al primo posto, seguita da New York e Londra a pari merito al secondo posto.

Seoul è salita di tre posizioni, ora al nono posto, entrando quest’anno nella top 10 degli ecosistemi. Tokyo è entrata per la prima volta nella top 10 globale, segnando il miglioramento più significativo tra i primi 10 ecosistemi. I primi due ecosistemi cinesi, Pechino e Shanghai, sono scesi nella classifica generale all’ottavo e all’undicesimo posto. L’Europa è la regione più rappresentata nella classifica degli ecosistemi emergenti, con una quota del 42% nella top 100 degli ecosistemi emergenti, seguita dall’America del Nord con il 27%. Madrid è salita di 12 posizioni, raggiungendo il primo posto nella classifica degli ecosistemi emergenti. Barcellona è salita di due posizioni nella classifica degli ecosistemi emergenti, raggiungendo il secondo posto. Jakarta (sesta) e l’area metropolitana Rhein-Ruhr (nona) sono entrambe entrate nella top 10 degli ecosistemi emergenti. La regione della città di Losanna è salita di 16 posizioni, raggiungendo la posizione 11 nella classifica degli ecosistemi emergenti. Città del Messico ha mostrato una crescita impressionante, raggiungendo la fascia 21-30 nella classifica degli ecosistemi emergenti. Atene è entrata nella classifica dei 100 ecosistemi emergenti, raggiungendo la fascia 51-60 nel 2024. Melbourne si posiziona al 32° posto nella classifica degli ecosistemi di startup globali, salendo di un posto rispetto alla classifica del 2023.

“Continuiamo a svolgere il nostro ruolo di consulenti esperti, dedicati ad accelerare l’imprenditorialità e la crescita degli ecosistemi di startup e dei cluster di innovazione in tutto il mondo. Il Global Startup Ecosystem Report è il fondamento della nostra missione – sottolinea in una nota Stephan Kuester, managing partner di StartupGenome -. Armati delle giuste conoscenze, lavoriamo a fianco di imprenditori, politici e leader delle comunità a livello globale per dimostrare come le tecnologie innovative possano guidare una crescita economica esponenziale”.

L’edizione 2024 classifica i primi 40 ecosistemi globali, gli ecosistemi emergenti e un’analisi regionale ampliata. Il rapporto, guidato da un consorzio di organizzazioni con sede in oltre 40 Paesi, esamina lo stato attuale dell’attività delle startup e dei relativi investimenti. Inoltre, evidenzia le comunità di startup da una prospettiva regionale, classificando separatamente gli ecosistemi di Asia, Europa, America Latina, MENA, Nord America, Oceania e Africa sub-sahariana.

“Creare più imprenditori è la cosa più importante che possiamo fare come ecosistema di facilitatori e responsabili politici. Gli imprenditori sono naturalmente attratti dalle sfide più importanti del momento e cercano di applicare le idee e le tecnologie migliori per trovare soluzioni. I progressi che faremo su questi temi nel prossimo decennio determineranno il successo dei prossimi cento anni e oltre. Il premio consiste nel trovare più rapidamente soluzioni alle esigenze globali. È per questo che manteniamo la rotta e lavoriamo giorno e notte per costruire un ambiente in cui i cittadini comuni siano in grado di diventare imprenditori e di prosperare in ecosistemi sani e in crescita”, afferma Jonathan Ortmans, presidente del Global Entrepreneurship Network.

Il GSER è stato creato in collaborazione con il Global Entrepreneurship Network, Dealroom, Crunchbase e Bella Private Markets. L’edizione 2024 si propone di fornire indicazioni ai leader pubblici e privati su come promuovere comunità di startup fiorenti che rappresentano il motore numero uno della creazione di posti di lavoro e della crescita economica.

Più nel dettaglio il report nella sua ultima edizione rileva che i primi tre ecosistemi hanno mantenuto le stesse posizioni del 2020, con la Silicon Valley che rimane in cima, seguita da New York City e Londra a pari merito al secondo posto. Seoul è salita di tre posizioni ed è ora al nono posto, entrando quest’anno nella top 10 degli ecosistemi. Tokyo è entrata per la prima volta nella top 10, salendo di ben cinque posizioni fino al 10° posto dal 15° del GSER 2023, segnando il miglioramento più significativo tra i primi 10 ecosistemi. Miami ha fatto progressi impressionanti, raggiungendo il 16° posto nella top 20 degli ecosistemi, con un miglioramento di sette posizioni rispetto allo scorso anno. I primi due ecosistemi cinesi sono scesi nella classifica generale: Pechino è scesa di un posto all’8° e Shanghai di due all’11°. Shenzhen ha mostrato una crescita impressionante, salendo di sette posizioni fino a raggiungere il 28° posto. Parigi è salita di ben quattro posizioni rispetto allo scorso anno, raggiungendo il 14° posto. Zurigo è salita di cinque posizioni fino al 31° posto e Monaco è salita di quattro posizioni fino al 33° posto.

Ecosistemi emergenti

Guardando agli ecosistemi emergenti, quindi le comunità di startup nelle prime fasi di crescita il report, il report applica una metodologia che è stata pensata per riflettere questo aspetto e che mostra gli ecosistemi con alto potenziale per diventare i migliori performer globali nei prossimi anni. I pesi dei fattori utilizzati per classificare questi ecosistemi differiscono leggermente da quelli utilizzati per gli ecosistemi top per riflettere il loro status di emergenti e sottolineare i fattori che hanno maggiore influenza negli ecosistemi che stanno appena iniziando a crescere. Il numero di exit superiori a 50 milioni di dollari ha un peso minore e l’attività delle startup si concentra maggiormente sui finanziamenti nelle fasi iniziali rispetto ai primi 40 ecosistemi. I primi 100 ecosistemi emergenti hanno collettivamente un valore dell’ecosistema di oltre 1,6 miliardi di dollari, in leggero aumento rispetto al 2022. L’Europa è la regione più rappresentata nella classifica degli ecosistemi emergenti, con una quota del 42% nella top 100 degli ecosistemi emergenti, seguita dal Nord America con una quota del 27%. Madrid è salita di 12 posizioni, conquistando il primo posto, grazie a grandi exit e unicorni. Barcellona è salita di due posizioni rispetto all’anno scorso, raggiungendo il secondo posto. Barcellona ospita tre unicorni, con l’unicorno più quotato, TravelPerk, valutato 1,6 miliardi di dollari. Jakarta e l’area metropolitana Rhein-Ruhr in Germania sono entrate entrambe nella top 10 degli ecosistemi emergenti, rispettivamente al 6° e al 9° posto. La regione di Losanna è salita di 16 posizioni, raggiungendo la posizione numero 11. Milano è salita di 14 posizioni, raggiungendo il 14° posto. Città del Messico, il primo ecosistema emergente dell’America Latina, ha mostrato una crescita impressionante, raggiungendo la fascia 21-30 dalla fascia 41-50 del 2023, grazie a un aumento delle uscite superiori a 50 milioni di dollari. L’unicorno più quotato, la piattaforma fintech Viva Wallet, è stato valutato 1,7 miliardi di dollari, contribuendo ad aumentare il valore dell’ecosistema a 4,2 miliardi di dollari, con un incremento del 40% rispetto al 2023.

Asia

Ci sono 10 ecosistemi asiatici nella top 40. Singapore è salita di un posto rispetto alla GSER 2023, posizionandosi al 7° posto tra gli ecosistemi di startup globali. L’ecosistema ha creato 144 miliardi di dollari dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2023. Il valore dell’ecosistema è una misura dell’impatto economico, calcolata come valore delle uscite e delle valutazioni delle startup. Tokyo e Seoul hanno fatto i passi avanti più significativi tra i 10 ecosistemi principali quest’anno. Seoul è migliorata di tre posizioni, raggiungendo il nono posto, la sua migliore performance dal 2022, quando era decima. Nel 2023, Tokyo ha registrato 11 grandi exit (oltre 50 milioni di dollari), a pari merito con Boston e dietro solo alla Silicon Valley per il maggior numero di uscite tra i 10 ecosistemi globali. Shenzhen ha mostrato una crescita impressionante, salendo di sette posizioni fino al 28° posto. Hangzhou è al 36° posto. Bengaluru-Karnataka in India è il 21° ecosistema globale di startup (a pari merito con Sydney), avendo creato 158 miliardi di dollari di valore dell’ecosistema dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2023. L’India ha due ecosistemi nella top 40, Delhi al 24° posto e Mumbai al 37°.

Europa

Nove ecosistemi europei sono nella top 40. Londra rimane l’ecosistema più performante d’Europa, posizionandosi al primo posto in Europa e al secondo a livello globale (a pari merito con New York City). I Paesi Bassi sono saliti di un posto, sia a livello regionale sia globale, al secondo posto in Europa e al tredicesimo nella classifica globale. L’ecosistema ha creato 96 miliardi di dollari di valore dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2023. Parigi è salita al terzo posto in Europa, è il raro ecosistema che non ha avuto un forte calo nel numero di exit dal 2021, le sue 289 exit totali dal 2022 al 2023 sono il 5° posto a livello globale. Zurigo è salita di cinque posizioni, al 31° posto nel GSER 2024. Monaco di Baviera è salita di quattro posizioni, salendo al 33° posto con sette grandi exit, al 5° posto tra gli ecosistemi europei. Nel 2023, le startup fintech di Copenaghen si sono assicurate il terzo finanziamento VC pro capite tra i 10 principali ecosistemi europei.

America Latina

Rimanendo al 26° posto a livello globale, San Paolo è l’unico ecosistema dell’America Latina nella classifica top 40. San Paolo, Città del Messico, Bogotá, Santiago-Valparaiso e Buenos Aires sono i primi cinque ecosistemi dell’America Latina. Seguono Rio de Janeiro, Curitiba, Monterrey, Belo Horizonte e Montevideo che si classificano come ecosistemi nelle posizioni 6-10 dell’America Latina. San Paolo è al primo posto tra gli ecosistemi latinoamericani per la conoscenza, misurando l’innovazione attraverso la ricerca e l’attività brevettuale, e al primo posto tra gli ecosistemi latinoamericani per le prestazioni, misurando le dimensioni e le prestazioni di un ecosistema in base al valore accumulato delle startup tecnologiche creato da uscite e finanziamenti. È il primo ecosistema latinoamericano in termini di funding, che misura l’innovazione attraverso i finanziamenti early-stage e l’attività degli investitori, e il primo ecosistema latinoamericano in termini di talent & experience, che misura le tendenze a lungo termine dei fattori di performance più significativi e la capacità di generare e mantenere talenti nell’ecosistema. Buenos Aires è il primo ecosistema latinoamericano in termini di affordable talent, che misura la capacità di assumere talenti tecnologici. Città del Messico ottiene un punteggio di 9 su 10 in funding, che misura l’innovazione attraverso i finanziamenti nelle fasi iniziali e l’attività degli investitori. Córdoba ha registrato una crescita del 287% in ecosystem value, avendo creato 321 milioni di dollari in valore dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2023. L’ ecosystem Value è una misura dell’impatto economico, calcolata come valore delle exit e delle valutazioni delle startup.

Nord America

Diciotto dei primi 40 ecosistemi hanno sede in Nord America, di cui tre in Canada e il resto negli Stati Uniti. Il Nord America è la seconda regione più rappresentata nella classifica degli ecosistemi emergenti, con una quota del 27%. Toronto-Waterloo rimane il primo ecosistema canadese, anche se scende di un posto al 18° posto. Con Vancouver che scende di quattro posizioni al 34° posto e Montréal che guadagna un posto al 39°, rimangono il secondo e il terzo ecosistema canadese in classifica. Gli Stati Uniti sono in testa a tutti i Paesi per quanto riguarda i nuovi unicorni per il 2023, con il 57% della quota globale. Nel 2023, le startup genAI con sede negli Stati Uniti sono aumentate del 27%. Nel 2023, le startup genAI con sede negli Stati Uniti hanno aumentato la loro quota di tutte le operazioni di VC al 65%, in aumento rispetto al 57% del 2022. La Silicon Valley rappresenta il 59% del valore totale dell’ecosistema all’interno dei 5 principali ecosistemi globali, con un aumento del 3% rispetto allo scorso anno. Un fattore significativo del successo della Silicon Valley è stato il finanziamento in fase avanzata (Serie B+). New York City è al secondo posto a livello globale, a pari merito con Londra. L’ecosistema ha creato 694 miliardi di dollari di ecosystem value dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre. New York City è stato l’unico ecosistema della top 5 a vedere un leggero aumento del valore delle sue grandi exit (oltre 50 milioni di dollari) nel 2023 rispetto al 2022, anche se il suo numero di grandi exit è diminuito. Los Angeles rimane il 4° ecosistema globale di startup. Il valore delle sue grandi exit (oltre 50 milioni di dollari) è sceso del 36% nel 2023 rispetto al 2022, un calo inferiore a quello di Londra e Silicon Valley. Boston ha registrato 11 grandi exit, a pari merito con Tokyo e dietro solo alla Silicon Valley per il maggior numero di exit tra i 10 ecosistemi globali. Dopo essere salita di 10 posizioni dal 2022 al 2023, Miami è salita di altre sette posizioni, passando dal 23° posto dell’anno scorso al 16° di quest’anno. Le startup di Seattle si sono assicurate 49 deal in fase avanzata (Serie B+), il 5° tra gli ecosistemi statunitensi. Seattle ha subito il calo più marcato tra i 40 ecosistemi principali, meno 10 posizioni al 20° posto. Le sue 10 grandi exit nei 30 mesi precedenti la fine del 2023 erano al 26° posto a livello globale. Philadelphia è salita di due posizioni, posizionandosi al 25° posto tra gli ecosistemi di startup globali. Ha creato 92 miliardi di dollari di valore dell’ecosistema dal 01 luglio 2021 al 31 dicembre 2023, pari al 40% di valore annuo composto.

MENA

Dubai ha ottenuto un punteggio di 10 su 10 nella classifica funding, che misura l’innovazione attraverso i finanziamenti nelle fasi iniziali e l’attività degli investitori. Ha cinque unicorni, uno dei 19 ecosistemi emergenti con quattro o più unicorni negli ultimi 10 anni. Il Cairo è salita nella classifica degli ecosistemi emergenti dalla fascia 51-60 dello scorso anno alla fascia 41-50, è il primo ecosistema MENA in termini di bang for buck, che misura la quantità di capitale che le startup tecnologiche acquisiscono, in media, da un round VC. Riyadh e Abu Dhabi sono entrambe salite nella classifica degli ecosistemi emergenti: Riyadh è passata dalla fascia 61-70 dell’anno scorso alla fascia 51-60 e Abu Dhabi dalla fascia 81-90 alla fascia 61-70. Abu Dhabi è al secondo posto nella classifica degli ecosistemi MENA per quanto riguarda la performance, che misura le dimensioni e le prestazioni di un ecosistema in base al valore accumulato delle startup tecnologiche creato dalle exit e dai finanziamenti. Muscat ha creato un valore dell’ecosistema di 313 milioni di dollari dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2023. Sharjah ha creato un valore dell’ecosistema di 424 milioni di dollari dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2023.

Oceania

I primi cinque ecosistemi dell’Oceania sono Sydney, Melbourne, Nuova Zelanda, Brisbane e Adelaide. Melbourne è salita di un posto diventando il 32° ecosistema globale per le startup e il 1° ecosistema dell’Oceania per talento ed esperienza, misurando i trend a lungo termine dei fattori di performance più significativi e la capacità di generare e mantenere talenti nell’ecosistema. Adelaide è il primo ecosistema dell’Oceania in affordable talent, che misura la capacità di assumere talenti tecnologici, e il terzo ecosistema dell’Oceania in bang for buck, che misura la quantità di spazio a disposizione per le imprese.

Africa subsahariana

Nairobi è il primo ecosistema dell’Africa subsahariana per performance, che misura le dimensioni e le prestazioni di un ecosistema in base al valore accumulato dalle startup tecnologiche grazie alle uscite e ai finanziamenti. Lagos è il primo ecosistema dell’Africa subsahariana per finanziamenti, che misura l’innovazione attraverso i finanziamenti early-stage e l’attività degli investitori. Città del Capo è rimasta nella fascia 91-100 degli ecosistemi emergenti, ma si è classificata al primo posto tra gli ecosistemi dell’Africa subsahariana per talento ed esperienza, misurando le tendenze a lungo termine sui fattori di performance più significativi. Johannesburg è il primo ecosistema dell’Africa subsahariana per conoscenza, che misura l’innovazione attraverso la ricerca e l’attività brevettuale.

Il report completo può essere scaricato da questo link

WHITEPAPER
Innovazione 5G: Scopri come rivoluzionerà i settori professionali nel 2024
Protocolli IoT
Network Security
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2