energytech

Homsai, l’AI per l’efficienza energetica domestica

La startup ha sviluppato una piattaforma per rendere più efficace il consumo energetico e ha vinto la prima edizione dell’Energy Innovation Cup

Pubblicato il 28 Giu 2023

Homsai, startup italiana che porta la domotica a un nuovo livello grazie alla possibilità di gestire al meglio le risorse energetiche e di guadagnare vendendo il surplus ai fornitori di energia ha vinto con il suo progetto, attualmente in fase beta, il primo premio della Energy Innovation Cup, iniziativa promossa da Enegan, energy partner specializzato nel guidare le aziende verso una transizione green, e IAG.

Homsai, così come le oltre 130 startup coinvolte, in questa prima edizione del premio, opera nell’ambito dell’energy e cleantech, un settore che negli ultimi anni sta vivendo una crescita esponenziale. Sempre più imprese, infatti, si concentrano sullo sviluppo di soluzioni energetiche pulite ed efficienti, rivoluzionando anche il modo in cui vengono distribuite, stoccate e consumate.

Domotica e intelligenza artificiale

Proprio l’efficienza del consumo di energia è il fulcro di Homsai, che sfrutta l’intelligenza artificiale per rendere le abitazioni davvero smart, ottimizzando i consumi e facendo risparmiare sui costi di gestione. Homsai mette in comunicazione sistemi diversi, come gli impianti fotovoltaici o le pompe di calore, ma, grazie ai protocolli di integrazione, monitorare e controllare i consumi diventa semplice e intuitivo tramite l’apposita app.

WHITEPAPER
Evolvi verso una micro-mobilità sostenibile con la tecnologia giusta
Mobilità sostenibile
Mobilità urbana

L’Energy Innovation Cup è stata progettata per dare spazio alle startup che propongono idee e progetti all’avanguardia come Homsai, in grado di contribuire alla transizione energetica. Le startup partecipanti hanno affrontato questa sfida in modo creativo, presentando soluzioni innovative: dall’intelligenza artificiale applicata all’efficienza energetica fino alle piattaforme che promuovono la sostenibilità aziendale senza scadere nel greenwashing, passando per le proposte che rivoluzionano il settore dell’energy harvesting e il trasporto delle energie rinnovabili non convenzionali.

La vincitrice della prima edizione, Homsai, avrà l’opportunità di collaborare con Enegan per realizzare progetti concreti e apportare nuove soluzioni nell’ambito della green economy. L’evento, inoltre, ha favorito l’interazione e la connessione tra le startup, Enegan, l’ecosistema innovativo toscano e gli investitori del network IAG provenienti da tutta Italia, aprendo le porte a partnership future e creando un ambiente favorevole per lo sviluppo delle tecnologie pulite, come spiega in una nota Carlo Tassi, presidente IAG: “La nostra mission è quella di mettere in contatto le realtà più innovative del panorama italiano, e non solo, con grandi aziende di successo, al fine di realizzare delle sinergie che creino valore per entrambe le realtà e per tutto il settore. Siamo particolarmente orgogliosi di questa iniziativa con Enegan, perché nonostante la sensibilità verso la transizione energetica sia in crescita, lo spazio di miglioramento e di innovazione è ancora ampio”.

La transizione verso un futuro a basso impatto ambientale, infatti, è resa possibile attraverso l’impegno congiunto di attori chiave come Enegan, IAG e le brillanti menti imprenditoriali che stanno plasmando l’industria del cleantech, gettando le basi per lo smart energy management del domani, afferma Walter Bucelli, direttore generale Enegan: “Queste startup dimostrano la concreta possibilità di un futuro sostenibile in un contesto di crescita economica e gettano le basi di un’economia verde a partire dalla gestione ottimale delle risorse energetiche. Il nostro percorso, iniziato nel 2010 proprio quando eravamo una startup come Homsai, ci ha portato in pochi anni ad essere uno dei principali attori nel settore della green energy; ora la nostra ambizione è quella di essere un mentore per Homsai e, insieme, realizzare dei progetti che diano ancora più impulso alla svolta green degli ultimi anni. Ringraziamo IAG e tutte le startup che hanno partecipato a questa splendida iniziativa, con la speranza che ci siano sempre più occasioni per stimolare e premiare i giovani imprenditori che hanno come mission un mondo migliore e più sostenibile”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link