Innovare in periferia, a Milano aperto il nuovo bando FabriQ Quarto 2019
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Innovare in periferia, a Milano aperto il nuovo bando FabriQ Quarto 2019

Le startup spesso ‘vogliono cambiare il mondo’,  per farlo si può anche partire da un luogo più circoscritto, un quartiere. Le startup nascono in risposta a problemi reali delle persone: ecco, nelle periferie di problemi ce ne sono tanti. L’invito di FabriQ, incubatore per l’innovazione sociale del Comune di Milano, a presentare proposte per il nuovo bando di FabriQ Quarto, alla seconda edizione, è rivolto anche alle startup oltre che ad aspiranti imprenditori. Ci sono dei temi precisi, alcuni dei quali chiamano in causa le nuove tecnologie; c’è l’opportunità di sperimentare concretamente una soluzione con il contributo economico del Comune di Milano, il cui obiettivo è chiaramente quello di  trovare soluzioni per migliorare la vita dei quartieri e delle persone, facendo leva sull’innovazione, la creatività, la partecipazione.

Lo scorso hanno, la prima edizione di FabriQ Quarto ha sostenuto progetti più tradizionali ma nuovi per il quartiere, così come altri molto innovativi: Wiseair, nata con la missione di creare il primo quartiere al mondo caratterizzato da una mappatura iper-locale e real-time della qualità dell’aria; JoinMI, uno sportello di orientamento il martedì pomeriggio presso FabriQ per aiutare i giovani e i disoccupati a trovare la loro strada lavorativa; Bovisa Drive In è il progetto che porta a Milano il cinema in auto dei mitici anni 50 americani; BANQ, l’acronimo di Bovisa, Affori, Niguarda, Quarto Oggiaro, quattro quartieri dell’area Nord-ovest di Milano scelti per essere protagonisti di uno speciale calendario di eventi organizzato da Blabar; ActiveCowo è un lifestyle concept in grado di migliorare sensibilmente la qualità della vita delle persone stimolando la partecipazione a spazi di lavoro active e a servizi ad essi connessi.

Il bando FabriQ è esso stesso innovativo e non è poco il contributo che le imprese selezionate potranno ricevere: fino a 45.500€ a progetto. Per fare cosa? Vediamo meglio gli obiettivi di questa edizione 2019,  i temi e le modalità di partecipazione a questo bando che sarà aperto fino al 14 ottobre.

Obiettivi

L’obiettivo del progetto è quello di chiamare cittadini e imprese alla “fabbricazione” della città partendo dai bisogni dei quartieri (Quarto Oggiaro, Affori, Niguarda, Bovisa, Bovisasca, Villa Pizzone, Comasina, Bruzzano, Dergano) che possono essere migliorati in tanti aspetti, ambientali, economici e sociali. Ciò traspare anche dai temi del bando, ovvero gli ambiti d’interesse per lo sviluppo delle proposte:

• Servizi alla persona e nuovi modelli di welfare
• Smartcity ed Economia Circolare
• Manifattura Digitale 4.0 e Artigianato Digitale
• Animazione di spazi multifunzionali
• Valorizzazione di spazi urbani sottoutilizzati

Il bando cofinanzia progetti sperimentali che siano capaci di generare impatto sociale intenzionale e misurabile sulla vita dei quartieri; che generino un ritorno economico per le imprese; ad alto contenuto di innovatività e scalabilità tali da contribuire ai processi di innovazione.

Cosa Offre

• Un co-finanziamento del 50% da parte del Comune (1€ pubblico x 1€ privato) , fino a 35.000€ e la possibilità di bonus di merito del 10%
• Percorso di accompagnamento e facilitazione alla realizzazione dei progetti sui territori
• Spazi, Servizi, Network, Competenze

Per candidarsi leggi di più su questa pagina.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

02 settembre 2019


Articoli correlati
Video Consigliati
reply