Internet of things per l'arte, così si può amplificarne la fruizione
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Internet of things per l’arte, così si può amplificarne la fruizione

Arte che si può ‘vedere’ con le mani. Siamo tutti abituati ad andare nei Musei per guardare e non per toccare, severamente vietato. Eppure coinvolgere il senso del tatto può amplificare la fruizione artistica per tutti, renderla più coinvolgente per  bambini e nativi digitali, oltre che essere per i non vedenti l’unica forma di fruizione diretta. Con la tecnologia si può. Rivoluzionare la fruizione dell‘arte con l’Internet of things, è l’obiettivo di una startup dal nome insolito ‘Percorsi di contaminazione tattili’ , che come spiega nel video Valentina Calabrò, storica dell’arte e co-founder, nasce con l’obiettivo di creare impatto sociale e dare una dimensione più moderna ai Musei e ai luoghi della cultura.

Il progetto è stato uno dei vincitori di Idee Vincenti, contest ideato e promosso da Lottomatica per sostenere l’imprenditoria innovativa che valorizza il patrimonio culturale italiano, e prevede la realizzazione di un sistema basato su IoT per usufruire della conoscenza sensoriale e immersiva dell’arte anche attraverso il tatto,  attraverso la rappresentazione di opere e la costruzione didattica di percorsi che consentano la fruizione di riproduzioni “tattili” di opere d’arte. 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

08 aprile 2019


Articoli correlati
Video Consigliati
reply