Matera, oltre ai sassi, c'è innovazione e startup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Matera, oltre ai sassi, c’è innovazione e startup

Qualche tempo fa vi ho raccontato del Comincenter, realtà che in Basilicata, in particolare a Matera, sta sviluppando progetti e azioni per sostenere lo sviluppo di talenti e competenze e di creazione di posti di lavoro nell’ambito dell’economia di nuova generazione. Un progetto gestito interamente da privati e che ha già ottenuti risultati significativi, tanto che perfino dal Ministero della Istruzione si sono accorti di quanto il Comincenter sia riuscito a fare di gran lunga meglio di qualsiasi agenzia per il collocamento.

15622459_611618495691388_7192099821479320450_nOggi vi racconto di come il Comincenter nel suo progetto di sostenere l’economia innovativa sul territorio in cui opera, supporta anche la creazione di startup e lo ha fatto organizzando un evento, il Cominday in cui ha chiamato a raccolta startup in varie fasi di evoluzione, aziende innovative già presenti sul territorio delle regioni limitrofe: Puglia, Molise, Calabria, Sicilia.

“Abbiamo realtà di grande capacità e innovazione – spiega Antonio Candela che è alla guida del progetto che ha già pianificato la sua espansione anche a Potenza presso il campus della Università della Basilicata – per l’evento abbiamo invitato alcune delle aziende più smart che hanno sede qui come Calia, Geocart, Ondatel, alcune delle startup più smart come Postpickr, Studio Antani, WideSight Lab e alcune delle realtà locali che si occupano, a vario titolo, di finanziamento alle nuove imprese come Bcc Laurenzana e Nova siri, Puglia Startup, Sviluppo Basilicata, Muumlab equity crowdfunding, Apulia invest”.

Gli ingredienti c’erano quindi tutti al Cominday 2016, e c’erano anche le startup in cerca di investitori, di partner commerciali o industriali o anche di un suggerimento, un consiglio, un indirizzo. Startup sia in fase già avanzata di sviluppo, alcune già attive sul mercato, sia in fase più embrionale dove il passo oltre l’idea ancora deve essere compiuto. Startup sia fortemente orientate alla tecnologia, sia più attente ad aspetti sociali, culturali, ambientali come spiega Luca Tamburrino che ha coordinato le candidature: “abbiamo voluto tenere molto ampie le caratteristiche di application perché è importante per eventi come il Cominday fungere anche da generatore di contaminazione, è l’unico evento di questo genere a Matera e perciò abbiamo selezionato startup lucane ma anche di altre regioni e non abbiamo definito strettamente né gli ambiti settoriali né lo stato di evoluzione”.

15541233_611536795699558_5438460597557819669_nCosì si sono presentate agli incontri imprese come Postpickr che ha sede ad Andria e che ha sviluppato una suite software per la gestione degli account social in modo integrato, intelligente, efficace: “un prodotto che va in concorrenza diretta con i grandi colossi come Hootsuite e Buffer – spiega Maurizio Lotito, uno dei tre co-fondatori – ma che inizia a essere apprezzato dagli utenti come per esempio i social media manager free lance, le piccole e medie imprese, le agenzie e le società editoriali, siamo operativi da meno di un anno e abbiamo già risultati molto interessanti in termini di vendite, ora cerchiamo investitori per crescere più rapidamente”. Da Venosa è giunta Sisia, una società specializzata in sicurezza degli edifici, l’azienda, nata nel 2012, ha messo a punto un algoritmo che consente di rilevare tramite appositi sensori da installare nelle strutture, lo stato di solidità in ogni momento: “in caso di sisma – spiega Maria Carmela Colaianni che è ingegnere e amministratore della società – con il nostro sistema è subito possibile sapere, in tempo reale, se un edificio è agibile oppure no”. Di Matera è invece Luca Acito, un creativo, un regista che ha avuto un’idea da trasformare in business che ha battezzato ChitChat: “l’idea nasce dalla necessità di abbassare i costi per le riprese presso eventi di clienti, spesso infatti mi chiedono di praticare prezzi che non sono compatibili con la presenza di un operatore e allora ho pensato a un sistema che funzionasse automaticamente e che potesse registrare messaggi video, è così nata ChitChat che in pratica è una sorta di cabina telefonica che consente di registrare video da 30secondi, con audio sempre perfetto perché la gente parla nella cornetta, che poi possono essere usati in vari modi, a seconda delle richieste del cliente e della tipologia dell’evento. Abbiamo già portato ChitChat a qualcuno di questi eventi e la cosa è piaciuta molto, ora dobbiamo lavorare a un piano di business efficace”.

C’è poi chi lavora a piattaforme per la riduzione dello spreco alimentare come Altraspesa e Keep Food, chi a mostre interattive come la Luna al guinzaglio, chi alla realizzazione di un impianto per la estrazioni di principi attivi polifenolici come Bioneutra, e chi a una rete di esperti da consultare online per aiutare i genitori in erba, chi ha progettato una speciale tettoia per esterni che può essere aperta e chiusa come una tenda, chi ha in mente strumenti per proporre turismo esperienziale, shopping esperienziale, scuole di musica e di danza esperienziali e chi, come Autoriparo di Potenza, una dei tre vincitori dei premi da duemila euro ciascuno offerti sotto forma di servizi di supporto alle attività di marketing, che ha realizzato una piattaforma per aiutare gli automobilisti a trovare la migliore officina e a non scordare le scadenze amministrative come bollo e assicurazione. Insieme ad Autoriparo hanno vinto anche Sisia con i suoi sensori per la verifica strutturale degli edifici e Biomedicallab con il suo PD-Watch, strumento per tenere sotto controllo gli ammalati di Parkinson che ha partecipato anche alle finali degli Startup Europe Awards.

Quel filo che unisce creatività, voglia di fare cose nuove, spirito di impresa, desiderio di superare le difficoltà di contesto si è visto in tutta la sua tensione tra le sale di Palazzo Lanfranchi e ha mostrato come il cambio paradigmatico della cultura d’impresa, della cultura del lavoro, della cultura del futuro sia seme che trova terreno fertile anche in territori dove siamo, erroneamente, abituati a credere che l’innovazione tardi ad arrivare. Ebbene non è così, ma è anzi opportunità concreta quella di favorire lo sviluppo di realtà imprenditoriali che utilizzano competenze tecniche e creative, le competenze delle nuove generazioni che così possono vivere e lavorare nelle loro città di origine guadagnando in qualità della vita.

Emil Abirascid

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

21 dicembre 2016

Categorie:

Editoriali, Eventi


Articoli correlati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply