Moda etica, il modello innovativo del Progetto Quid
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Moda etica, il modello innovativo del Progetto Quid

Quello della moda etica è un mercato in espansione, anche tanti brand noti in tutto il mondo come Armani o Gucci (che hanno detto addio alle pellicce vere) hanno da qualche anno intrapreso la strada della responsabilità sociale, senza considerare brand nati proprio con l’idea del riciclo, ad esempio Ilaria Venturini Fendi, la più giovane delle figlie di Anna Fendi, ha creato addirittura un marchio del lusso, Carmina Campus, che utilizza esclusivamente materiale riciclato, cosa che rende ogni prodotto unico, e riesce a vendere a 175 euro orecchini realizzati con la latta di Coca-cola e Fanta. La moda etica quindi si intreccia con molti altri argomenti, come la circular economy, la sostenibilità ambientale, il rispetto per gli animali, la responsabilità sociale come ‘datore di lavoro’.

Progetto Quid riesce in a centrare parecchi di questi altri temi in un colpo solo: è una cooperativa sociale che possiamo definire anche startup innovativa per il suo particolare modello di business, che pur non facendo particolare leva su tecnologie (fa e-commerce), è decisamente nuovo, d’impatto e vincente.

Cosa fa Progetto Quid?

E’ un brand moda e una produzione di moda che parte da tessuti di qualità del miglior Made in Italy, ma non più utilizzati, in eccedenza, ad esempio tutti quei tessuti che i grandi marchi di stagione in stagione usano per le nuove collezioni, ma ciò che avanza non viene più utilizzato. Quei tessuti possono però tornare in circolo grazie a Progetto Quid, che comprende anche giovani designer in grado di realizzare capi di abbigliamento moderni proprio partendo dalla stoffa. I tessuti sono recuparati attraverso una rete di brand partner, tra cui numerose aziende tessili, ma anche marchi della moda, qui una lista.

La produzione avviene localmente e coinvolge molte persone, donne e uomini, con un passato di fragilità, dando loro una nuova chance di vita dignitosa.

La startup nasce quindi con l’obiettivo di avere un alto impatto sociale, ambientale e nel business, obiettivo in cui sta riuscendo pienamente.

Anna Fiscale, Presidente e founder di Quid, è stata nominata la migliore imprenditrice sociale italiana da Impact2 2019.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

12 giugno 2019

Categorie:

Italian Startups, Video


Articoli correlati
Video Consigliati
reply