Per Sailsquare altri 500 k, rotta sui Caraibi - Startup Business
Per Sailsquare altri 500 k, rotta sui Caraibi

Sailsquare, la start up italiana per la condivisione di viaggi in barca a vela, annuncia l’aumento di capitale pari a 500 mila con il quale si prepara a consolidare il suo business in Italia e a far rotta su nuovi mercati in Europa e in America. La cordata coinvolge una serie di investitori privati e un fondo, LigurCapital. La startup aveva già raccolto investimenti per 184mila euro a dicembre 2013 da altri business angel, in parte provenienti da due BA network, IAG e SBA, quest’ultimo è un business angel network francese, con base a Sophia Antipolis.

“L’aumento di capitale servirà a consolidare la nostra posizione di leadership sul mercato italiano ma, soprattuto avviare il processo di internazionalizzazione, sul quale abbiamo già iniziato a lavorare dallo scorso autunno reclutando armatori fuori dal Mediterraneo, in particolare ai Caraibi, dove contiamo di avere per la stagione invernale oltre 300 proposte, con le quali poi proporci a un pubblico internazionale, guardando soprattuto al nord America. – racconta a Startupbusiness Riccardo Boatti Amminstratore Delegato, e CMO in sailsquare. – Da un punto di vista della piattaforma, quest’anno è cresciuta molto la componente “social” del progetto, che da sempre ci contraddistingue rispetto a tutte le altre piattaforme sul mercato. Abbiamo da pochissimo infatti rivisto le funzionalità legate al profilo degli utenti, introducendo, ad esempio, un rinnovato sistema di revisioni e la possibilità di “seguire” altri utenti della community, ricevendo notifiche sulle loro azioni sulla piattaforma, al fine di stimolare engagement e alimentare il livello di fiducia tra gli utenti.  Infine, pur essendo il sito già completamente fruibile da dispositivi mobile, rilasceremo a breve una prima versione di una app mobile, sia per Android che iOS, per facilitare le interazioni degli utenti in mobilità.”

Nata a giugno 2012 dall’idea di Riccardo Boatti e Simone Marini, sailsquare è la prima piattaforma di vacanze in barca peer-to-peer che ha tradotto in chiave marittima il concetto di “user-generated holiday”. In pochi click, gli armatori iscritti a sailsquare possono creare la propria vacanza su misura, invitando i propri amici o tuta la community a partecipare, mentre gli utenti possono entrare a far parte di un equipaggio in via di formazione: l’affidabilità della community è costantemente monitorata attraverso un sistema di verifiche, feedback e recensioni. Perchè la community è un valore molto forte per sailsquare: attualmente conta 25.000 viaggiatori, con più di 500 armatori,  e con oltre 1.000 proposte pubblicate nel solo primo semestre di quest’anno, riesce a connettere le persone in base ad esperienze di viaggio uniche, con destinazioni che partono dalle coste ed isole di Italia, Spagna, Croazia, Grecia, Turchia, Francia e Canarie, mentre nuove rotte arriveranno nel corso dell’anno.

“La stagione promette molto bene, abbiamo già superato a maggio i risultati complessivi del 2014 in termini di utenti “a bordo” delle esperienze proposte sulla piattaforma, puntiamo a chiudere la stagione con 40.000 utenti registrati e 2.000 imbarchi. La crescita più forte l’abbiamo avuta però sul fronte degli armatori, i proprietari di imbarcazioni a vela che generano la nostra offerta: gli armatori abilitati sono passati dai 70 di agosto 2014 ai 500 attuali, a dimostrazione del fatto che c’è molto interesse da parte loro, anche grazie al passaparola spontaneo degli armatori che per primi hanno provato il nostro servizio, restandone molto soddisfatti.”

FORUM PA 6 - 11 LUGLIO
Fare rete: la trasformazione digitale per coesione, partecipazione e sviluppo della comunità
Digital Transformation
PA

Se vuoi conoscere la storia di sailsquare, leggila qui. 

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

03 luglio 2015


reply