Quando i manager fanno startup vengono fuori cose come TIFO
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Quando i manager fanno startup vengono fuori cose come TIFO

Un’applicazione fintech per lo sport dilettantistico molto convincente, che nel 2020 passerà alla fase di vera execution. A guidarla un solido team di ‘badass manager’

Spoiler: lo scenario italiano delle applicazioni sport-tech a partire dal 2020 dovrà vedersela anche con TIFO, la nuova app pensata per il mondo dello sport dilettantistico che ha un cuore fintech.

TIFO sarà ufficialmente disponibile dal prossimo anno e la sua roadmap è caratterizzata da due importanti appuntamenti: gennaio 2020 – quando partirà il beta test su una selezione di alcuni club italiani – e aprile 2020, quando sarà possibile scaricare l’app su dispositivi iOS e Android. TIFO opererà in Italia come agent sotto iscrizione all’ACPR (French Prudential Supervision and Resolution Authority) e Bankitalia.

Tra i partner che sostengono il progetto, la francese Treezor, società Fintech del gruppo Société Generale e istituto di pagamento autorizzata dall’ACPR.

Il team di manager che guida la startup

Un team che garantisce execution. Oltre al fondatore Sébastien di Mauro (italo-francese, esperienza ventennale, ex direttore della produzione per Orange TV e beIN Sport), il team di TIFO è composto da Geronimo Emili, CMO, da oltre 20 anni nella consulenza strategica e specialista di comunicazione fintech e dei servizi digitali di pagamento; Giovanni Procaccino, CFO, esperto di organizzazione, specializzato in Computer Science e per 28 anni in Accenture come Managing Director, poi in DGS Group, come BU Director e William Franchini, CTO, con una ventennale esperienza nello sviluppo e implementazione di software aziendali.

Sébastien di Mauro, Ceo e founder di TIFO

“TIFO si propone di semplificare l’organizzazione delle attività connesse al mondo dello sport e si fa promotrice di una società “fair play” fondata su eticità e responsabilità sociale, sempre più orientata ai pagamenti digitali. – dice Sébastien di Mauro – Abbiamo deciso di scendere in campo e uscire allo scoperto prima del rilascio della piattaforma previsto per il 2020, per dare maggiore risonanza alla piattaforma e sensibilizzare associazioni sportive, enti, istituzioni, soggetti pubblici e privati a sperimentare questa soluzione di pagamento digitale innovativa, che opera e garantisce i principi di massima trasparenza, rapidità e tracciabilità delle transazioni”.

Cosa fa esattamente TIFO?

TIFO è infatti una piattaforma “tutto-in-uno”, un ecosistema digitale al fianco dello sportivo ma anche delle associazioni, dei club e delle federazioni. Lo sportivo potrà ricevere convocazioni dal proprio allenatore, inviti a eventi del club; i club e gli allenatori avranno uno strumento rapido ed efficace per raggiungere i propri iscritti. Ma soprattutto si potrà pagare attraverso l’app stessa quote e pagamenti vari. TIFO sarà utilissima anche per le Federazioni sportive e gli Enti di Promozione perché avranno a disposizione uno strumento capace di raggiungere milioni di sportivi, profilati in base all’età, sesso, sport praticato e appartenenza geografica, con un click.

Le transazioni con TIFO

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Al momento dell’iscrizione ogni utente – che sia un club o uno sportivo – sarà automaticamente proprietario, gratuitamente, di un wallet, con un proprio IBAN italiano e una carta di pagamento collegata. Coniugando funzionalità organizzative e la tecnologia del mobile payment, TIFO consentirà agli utenti di inviare denaro e pagare direttamente dal proprio smartphone. Tramite TIFO si potrà quindi, oltre a pagare o incassare quote associative, anche acquistare prodotti sportivi, contribuire a un crowdfunding e molto altro, effettuando transazioni e pagamenti in modo semplice, rapido e trasparente.

La funzionalità dei “Gruppi”

Punto di forza di TIFO è la funzionalità dei gruppi, ovvero la possibilità che ha ogni utente di creare dei propri gruppi di familiari, amici, colleghi o compagni di scuola e di squadra, per interagire rapidamente, creare eventi, condividere informazioni, foto, video e documenti e soprattutto scambiare denaro in modo del tutto gratuito. Sarà anche possibile creare personali campagne di raccolta fondi (crowdfunding) con delle commissioni molto più contenute rispetto a quelle di mercato.

Vantaggi e Incentivi

Tifo mette insieme i club, gli shop, gli sponsor e le famiglie offrendo la possibilità di guadagnare denaro: un club con 200 iscritti, 6 negozi affiliati collegato alla rete degli sponsor regionali di TIFO, può arrivare a guadagnare il primo anno fino a 10mila euro.

Roadmap

TIFO ha già siglato accordi con tre organizzazioni sportive nazionali riconosciute dal CONI, ovvero ASI (Associazioni Sportive Sociali Italiane), MSP (Movimento Sportivo Popolare) e Unione Sportiva ACLI, che insieme rappresentano il 20% degli sportivi iscritti a un Ente di Promozione Sportiva. Inoltre, a gennaio partirà il beta-test per verificare sul campo le funzionalità e valutare la user experience con la polisportiva SanPaolo Ostiense di Roma, una struttura di eccellenza che conta più di 1000 iscritti, 80% dei quali minorenni e che ospita 7 sport.

Ad aprile l’app sarà disponibile negli Store.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

06 dicembre 2019

Scritto da:

Donatella Cambosu


Articoli correlati
Video Consigliati
reply