Safebeach, la cassaforte da spiaggia innovativa che vuole diventare IoT
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Safebeach, la cassaforte da spiaggia innovativa che vuole diventare IoT

E’ indubbio: uno dei problemi che possono incrinare il relax dello stare in spiaggia o lo slancio di un tuffo è la paranoia per le cose di valore che ci portiamo necessariamente dietro e che si teme di perdere, di danneggiare o che ci possono essere rubate: telefonino, chiavi, portafoglio, documenti, l’orologio, gli occhiali, ecc. Dove metterli e stare tranquilli, senza essere costretti a lasciare qualcuno di guardia?

Ci ha pensato una startup, Safesolution, che ha sviluppato presso l’incubatore POLIHUB del Politecnico di Milano la prima cassaforte da spiaggia, si chiama Safebeach, l’ha brevettata, e sta cercando finanziamento e nuovi soci con una campagna di equity crowdfunding su WeAreStarting. La società valutata oggi € 2.250.000 punta a raccogliere € 150.000 tramite equity crowdfunding, in cambio del 6,25% delle quote societarie, per la produzione di nuovi dispositivi e attività di ricerca, sviluppo e comunicazione. Grazie a precedenti finanziamenti negli ultimi due anni da parte dei primi investitori, per un totale di € 270.000, Safesolution è riuscita a industrializzare la produzione dei dispositivi e a perfezionare le loro componenti elettroniche attirando su di sé le attenzioni di alcuni soggetti della Silicon Valley.

“L’idea è nata nel 2013 dall’esigenza di rendere la spiaggia un luogo più sicuro e più sereno; tempo poche settimane il prototipo era pronto e il brevetto depositato. In questi anni Safebeach è diventato molto più di una cassetta di sicurezza e grazie ad esso ora è possibile vivere il tempo libero senza preoccupazioni e in completa sicurezza. Il prodotto è pronto, noi siamo pronti. Il nostro obiettivo per i prossimi anni è quello di raggiungere il 10% del nostro mercato e per riuscirci ci rivolgiamo a grandi e piccoli investitori, privati o imprese. ” Filippo Gigliotti, socio fondatore e direttore Safesolution.

Come funziona Safebeach

La cassaforte è applicabile direttamente ai comuni ombrelloni e ha una serratura elettronica contacless, quindi è sbloccabile tramite braccialetto elettronico che sarà dato all’utilizzatore del servizio. Grazie a dei piccoli pannelli solari installati sopra l’ombrellone e collegati, la cassaforte consente anche di ricaricare cellulare e altri dispositivi tramite porta USB. Nella sua versione integrale più recente la cassaforte è dotata di una componente elettronica che rende il prodotto monitorabile e controllabile a distanza dal gestore tramite un’applicazione dedicata, utile sia come gestionale sia in caso di eventuali problematiche. Safebeach è un rivoluzionario dispositivo che alza quindi il livello di servizio offerto dagli stabilimenti balneari a cui viene offerto in comodato d’uso gratuito grazie alla fascia laterale che è totalmente personalizzabile e rivolta ai brand interessati a fare pubblicità attraverso questo strumento. Non sono però solo gli stabilimenti balneari e i brand intenzionati ad acquistare pubblicità gli unici clienti di Safesolution S.r.l., infatti la cassaforte è ideale anche per hotel, laghi, piscine, terme e parchi acquatici arrivando quindi ad una stima complessiva di circa 25.000 strutture ricettive in Italia idonee ad ospitare questo prodotto per un totale di ombrelloni stimati pari 6.000.000.

Qual è stato il primo riscontro con il mercato?

“Siamo partiti nel 2017 con i primi test sul campo di Safebeach. – risponde ancora Filippo Gigliotti, -Abbiamo installato i dispositivi in alcuni lidi sulle coste della Sardegna, Puglia, Emilia Romagna, Abruzzo, Veneto e Liguria. La risposta del mercato dopo questo primo anno di test è stata molto positiva. I gestori dei lidi, che sono i nostri principali interlocutori, hanno percepito il prodotto come un servizio in più da offrire ai propri clienti, senza costi aggiuntivi, visto che sono dati in comodato d’uso. Inoltre, sono utili anche per lo stesso gestore del lido, perché sono prodotto innovativi e funzionali che permettono di tenere sotto controllo l’intera spiaggia”.

Qual è lo scopo di questa campagna?

“Puntiamo a raggiungere i 150.000 €. Questa campagna ha come scopo principale quello di trovare investitori per la produzione di nuovi dispositivi. Inoltre, vorremmo destinarne anche una parte per la ricerca e lo sviluppo di implementazioni elettroniche in campo IoT, perché vogliamo rendere Safebeach sempre più multimediale e interattivo con il cliente finale. Il nostro obiettivo per i prossimi anni è quello di raggiungere il 10% del nostro mercato e in un futuro arrivare anche all’estero”.

La cassaforte è collegata a un’app attraverso la quale il gestore dello stabilimento può fornire diversi servizi, anche il caricamento di credito da utilizzare al bar, ristorante, ecc.

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

25 marzo 2019

Categorie:

Italian Startups


Articoli correlati
reply