Investimenti

Scalapay, round da 115 milioni di dollari guidato da Tiger Global

La scaleup italiana che opera nell’ambito dei servizi Bnpl , compra ora paga in seguito, ha chiuso l’investimento Series A con una valutazione di 700 milioni di dollari

09 Set 2021
Raffaele Terrone CFO, Simone Mancini CEO, Johnny Mitresvki CTO, Pingki Houang, Direttore Generale

Scalapay, di cui avevamo scritto qui a febbraio 2021 quando annuncio un round da 48milioni di dollari, ha reso noto di aver raccolto 155 milioni di dollari di equity funding nell’ambito della tornata di investimenti Series A a una valutazione di 700 milioni di dollari. Il round è stato capitanato da Tiger Global (il VC newyorkese è stato protagonista, tra l’altro, anche dell’ultimo round di Revolut insieme all’altro colosso del VC, la giapponese SoftBank) , con la partecipazione di Baleen Capital e Woodson Capital che si aggiungo a Fasanara Capital e Ithaca Investments.

Scalapay opera nell’ambito del Bnpl, sigla che sta per buy now pay later, ovvero compra oggi e paga dopo, che è un settore del fintech in grande sviluppo come dimostrano anche i numeri Klarna, altra scaleup europea, svedese per la precisione, molto forte in questo ambito (e che a febbraio 2020 si era comprata l’italiana Moneymour come scrivemmo qui).  Scalapay porta benefici alle aziende partner e ai loro clienti. Da un lato facilita le persone nell’ottenere subito ciò che desiderano, senza compromessi e senza rinunce, alleggerisce la scelta e la spesa nell’immediato, grazie al fatto di poter suddividere il totale in tre importi mensili. Dall’altro consente alle aziende di concentrarsi su ciò che sanno fare meglio, il loro prodotto o servizio, e di avere più clienti, con una spesa media che aumenta del 48% e delle conversioni al checkout che crescono dell’11%. Inoltre, Scalapay genera oltre un milione di visite al mese per i siti partner – riferisce una nota diffusa dalla scaleup – . “Scalapay è rapidamente diventato un importante operatore nel campo dei pagamenti europei e nel settore Bnpl – commenta Alex Cook, partner di Tiger Global -. Siamo impressionati dal processo di sviluppo del prodotto e dalla dedizione messa nell’aiutare le aziende partner. Siamo entusiasti di supportare Scalapay nelle prossime fasi della sua crescita”.

I nuovi fondi saranno destinati alla crescita del team e delle attività. A luglio, Scalapay ha nominato direttore generale Pingki Houang, in precedenza direttore generale di ShowroomPrive e chief executive di FashionCube, tra i più grandi retailer omnichannel europei, e ha incaricato Arlene Reynolds, in precedenza responsabile Global operation di Just Eat di supervisionare le attività e l’espansione. I nuovi finanziamenti contribuiranno inoltre a incrementare la dimensione internazionale e a lanciare nuovi prodotti per sostenere gli esercizi commerciali nei settori del lusso, della moda e dei viaggi.

“Se nomi come Klarna e Afterpay hanno lanciato conti di deposito e si sono ulteriormente addentrati nell’universo bancario, l’entusiasmante piano d’azione di Scalapay è focalizzato con precisione sull’aiutare i merchant con nuove customer experience che incrementano la conversione, stanno sfruttando il Bnpl in modo del tutto nuovo” , osserva Francesco Filia, Ceo di Fasanara Capital.

La società è stata creata nel 2019 da Simone Mancini e Johnny Mitrevski, a cui si sono uniti, nelle fasi iniziali, Raffaele Terrone, Daniele Tessari e Mirco Mattevi che sono andati a completare il founding team. Dal lancio, Scalapay ha aperto i suoi servizi in Italia, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Finlandia, Belgio, Olanda e Austria. In due anni sono stati raccolti 203 milioni di dollari in totale e il team è raddoppiato arrivando a contare oltre 150 persone a gennaio 2021.

“Abbiamo a cuore che ogni persona possa sentirsi felice delle proprie scelte, senza compromessi. Un percorso verso la felicità comincia, a volte, dal piacere per le piccole cose-  dice Simone Mancini, co-fondatore e Ceo di Scalapay –. Lo scorso anno più che mai ci ha forse ricordato quanto anche le piccole cose possano essere importanti. Uno dei modi in cui vogliamo contribuire a mantenere questa attenzione è attraverso la ridefinizione della dolce vita, intesa come il rallentare e prestare attenzione alle cose belle, apprezzare dei piccoli momenti di piacere, poter indossare il nostro profumo preferito, vivere un weekend romantico, fare un regalo a una persona alla quale vogliamo bene.”

Scalapay è un riferimento importante nel settore moda, è infatti diventato recentemente sponsor ufficiale della Milano Fashion Week, la settimana della moda milanese, per il periodo 2021-2023. Marchi come Alberta Ferretti, Moschino, Philosophy, Msgm, Luisa Spagnoli e molti altri retailer multi-brand lo hanno scelto.

“Nell’ultimo anno abbiamo assistito a una forte domanda di moda di lusso, molti clienti più giovani usano Scalapay per regalarsi una borsa Prada o le scarpe Valentino che adorano e che sognano da tempo. Poterlo fare in modo responsabile dal punto di vista finanziario, pagando nel tempo, aumenta il piacere dell’acquisto. Solitamente constatiamo un 30-50% delle transazioni dei nostri partner della moda di lusso effettuate con Scalapay, l’adozione da parte dei clienti è stata davvero galvanizzante”, spiega Johnny Mitrevski, co-fondatore e Cto di Scalapay.

“Abbiamo aperto la strada offrendo Scalapay ai clienti online di Liu Jo nel 2019. L’anno seguente è stata introdotta nei negozi fisici, poi in Francia e adesso stiamo pianificando nuovi mercati europei. In questo lasso di tempo, l’abbiamo vista crescere rapidamente a livello di popolarità tra i clienti ed è uno strumento straordinario per incrementare il valore medio dell’ordine e la conversione. Sono diventati un partner fondamentale per i retailer della moda”, afferma Michael Scatigna, Ceo di Digital Boite.

La soluzione di pagamento di Scalapay ha avuto impatto sul business di oltre tremila brand partner.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4