Scaleup, in Portogallo la loro capitale è Porto
Scaleup, in Portogallo la loro capitale è Porto

Se Lisbona è tra le startup city emergenti europee, Porto è la capitale delle scaleup. L’ecosistema in Portogallo è in grande accelerazione

“Siamo consapevoli dell’importanza che le startup hanno per la nostra economia – dice Ana Lehmann, secretária de Estado da Indústria del governo portoghese – stiamo lavorando sia per rendere disponibili nuovi capitali, nell’ordine di 400milioni di euro, sia per rafforzare la relazione tra le nuove imprese e quelle consolidate sia portoghesi sia di altri Paesi”. L’intervento dell’esponente del governo di Lisbona giunge in chiusura di una giornata dedicata allo scenario delle startup e delle scaleup nate e con sede nella città di Porto, seconda per importanza nel Paese dopo la capitale Lisbona e prima per attività economica.

La giornata, organizzata da ScaleUp Porto che gode del supporto del governo cittadino e da Anje (Associação Nacional de Jovens Empresários), l’associazione nazionale dei giovani imprenditori portoghesi che ha la sua sede principale proprio a Porto, e con il sostegno di EIT Digital, è servita per comprendere meglio come il Portogallo vede le startup e come le startup stanno effettivamente portando benefici al Paese.

scaleup“Dopo dieci anni di profonda crisi – spiega Adelino Costa Matos, presidente di Anje e imprenditore con un’azienda che produce componenti in acciaio per l’industria dell’energia rinnovabile – oggi siamo nuovamente in una fase di crescita, la crisi si è al fine rivelata una opportunità perché ha permesso di fare crescere la cultura della imprenditorialità e di creare nuove startup alcune delle quali oggi sono società di respiro globale che hanno sedi in vari Paesi del mondo, che hanno raccolto capitali da investitori internazionali e che lavorano con partner internazionali”.

È per esempio il caso di Critical Software, azienda fondata nel 1998 che fu la prima a vincere il premio annuale di Anje e che oggi è tra i principali fornitori di sistemi per la gestione e il controllo del software di sistemi critici; o il caso di Farfetch, piattaforma online dedicata al mondo della moda che nasce a Londra per volontà dell’imprenditore portoghese José Neves; e ancora Veniam, che ha sviluppato un sistema per la creazione di reti mesh utilizzando i veicoli che circolano per le città o per gli assi di trasporto stradale, marittimo, aereo. Il Ceo e fondatore João Barros è il classico imprenditore globale con esperienze nella Silicon Valley e con una visione orientata al lungo termine, consapevole delle potenzialità della sua tecnologia: “le automobili autonome sono per le città ciò che gli ascensori sono per gli edifici”, dice, e con la capacità di avere attirato l’attenzione e i capitali di investitori di mezzo mondo: “oggi, diversamente da quando ho iniziato io, se si va in Silicon Valley e si dice che si arriva dal Portogallo le reazioni che si ottengono sono positive perché oggi il Portogallo è riconosciuto in tutto il mondo come una nazione dove è possibile fare startup in modo efficace, solo cinque anni fa non era così, abbiamo lavorato molto bene a livello di sistema e oggi iniziamo a raccogliere i frutti per tutto il Paese”.

WHITEPAPER
Cosa vuol dire investire in Startup? 10 cosa da sapere
Startup

La città di Porto conta oggi 14 spazi di coworking, 38 associazioni di business, il 40% delle scaleup portoghesi hanno sede nella città che ha una popolazione di 250mila persone (quasi due milioni nell’area metropolitana), ci sono 20 incubatori, 8 centri per il trasferimento delle tecnologie, 69 centri di ricerca e sviluppo e oltre trecento startup in fase di sviluppo. Tutti dati riportati dalla Porto Start & Scale Guide, un libro pubblicato in inglese dall’amministrazione comunale che riporta anche i commenti degli imprenditori che già sono cresciuti con le loro scaleup e l’elenco delle startup più significative che sono in via di affermazione.

Tra queste Mindera, che benché piuttosto giovane ha già sedi oltre che a Porto anche in India a Chennai, nel Regno Unito a Leicester e in Usa a San Diego e che sviluppa soluzioni software per abilitare il lavoro distribuito che i fondatori definiscono una società organizzata secondo i principi e i modelli della olacrazia. E poi 360imprimir, piattaforma che vende online oggetti stampati: dai biglietti da visita agli striscioni e che opera in Portogallo, Messico e Brasile soprattutto, che fa leva sui piccoli produttori consentendo loro di fare crescere il loro business e che nel giro di pochi anni ha costruito un business del valore di oltre 13 milioni di euro: “siamo partiti in sei fondatori, tutti con esperienze molto diverse e tutti con l’idea che il momento storico sociale ed economico del Portogallo ci spingesse verso la costruzione di qualcosa di nostro – spiega Jorge Correia, Cfo della società -, è un business articolato, che funziona molto bene e che abbiamo voluto fare crescere in modo organico e che ci sta dando tante soddisfazioni, ora stiamo in una fase di ulteriore crescita con l’individuazione di nuovi investitori per diversi milioni di euro a sostegno dell’espansione sui mercati europei”. Anche Correia fa eco agli altri imprenditori nell’enfatizzare come il fenomeno delle startup si sia rilevato fondamentale e vitale per portare il Portogallo fuori dalla crisi decennale nella quale si trovava, che sono le startup e le scaleup oggi a fare correre l’economia e a fare in modo che il governo punti in modo deciso nel sostenerle. Così il Cfo di 360imprimir, che pone enfasi sul fatto che oggi la credibilità degli imprenditori portoghesi è molto elevata all’estero e che il Portogallo si è ritagliato un ruolo nello scenario globale delle startup e delle scaleup di grande spessore . Ciò certamente grazie alle imprese di successo che sono nate e si sono sviluppate fino a oggi, un contributo lo ha dato anche il trasloco del WebSummit a Lisbona per il triennio 2016-2018 , ma è la sostanza dei progetti che fa la differenza e il profondo e rapido cambiamento culturale che è avvenuto nel Paese che si è rivelato fondante per innescare il processo virtuoso.

@emilabirascid

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

23 Ottobre 2017

Categorie:

Must Read, Scaleup


Articoli correlati
Video Consigliati
reply