Sicurezza digitale, Toothpic raccoglie 300mila € da ITAtech
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Sicurezza digitale, Toothpic raccoglie 300mila € da ITAtech

ToothPic, spin-off del Politecnico di Torino che ha sviluppato una tecnologia per il miglioramento della sicurezza e usabilità dei processi di autenticazione, ha annunciato la raccolta di un investimento da 300mila euro, in cui l’investitore coinvolto è VV3TT, un fondo di venture capital early-stage per il trasferimento tecnologico nel quale ha investito la piattaforma ITAtech, la  piattaforma di investimento nata grazie a Cassa depositi  e prestiti  (Cdp)  e Fondo Europeo per gli investimenti (FEI) del Gruppo BEI.

ToothPic Srl è una startup innovativa e spin-off del Politecnico di Torino, città dove ha sede. E’ stata fondata a fine 2016 da un team di 4 docenti e ricercatori esperti nei campi della camera identification, sicurezza e analisi forense.

Ha brevettato una tecnologia per MFA – Multi-Factor Authentication – che riesce a coniugare sicurezza e usabilità: ToothPic infatti riconosce lo smartphone dell’utente, attraverso un’impronta invisibile che caratterizza la sua fotocamera (unica per ogni dispositivo).  La tecnologia è estremamente sicura, in quanto i dati segreti che identificano l’utente non sono mai memorizzati sullo smartphone. Allo stesso tempo, è anche semplice e intuitiva per l’utente, perché l’intero processo di autenticazione è completamente automatico e utilizza lo smartphone, evitando all’utente di dover portare con sé un dispositivo dedicato all’autenticazione.

Giulio Coluccia, Amministratore Delegato di ToothPic, ha dichiarato: “Siamo estremamente soddisfatti di esserci assicurati un primo round di finanziamento da Vertis SGR. Con il loro supporto riusciremo a raggiungere la fase successiva dello sviluppo della nostra piattaforma di autenticazione mobile, progettata per fronteggiare la crescente preoccupazione riguardo alla sicurezza e alla fiducia nelle transazione tramite mobile, entrando in un mercato che cresce annualmente del 24% e supera il miliardo di dollari ogni anno”.

“I furti d’identità, le violazioni dei sistemi di autenticazione e le frodi online stanno diventando una minaccia preoccupante per una moltitudine di servizi e attività online. Metodi di sicurezza obsoleti e una scarsa usabilità dei software e dei dispositivi di autenticazione accrescono la vulnerabilità dei sistemi, minando la privacy e la sicurezza degli utenti connessi”, ha dichiarato Roberto Della Marina, Partner del fondo VV3TT. “ToothPic è sul punto di fornire il primo sistema di autenticazione multifattore pronto ad essere distribuito sulla maggior parte di dispositivi mobili attualmente in uso. Siamo entusiasti di supportare ToothPic, che lavora per costruire una grande azienda in un mercato esaltante”.

Si tratta del primo investimento per ITAtech.

ITAtech è una piattaforma per gli investimenti dedicata al Trasferimento Tecnologico in Italia. Lanciata a dicembre 2016 per trasformare progetti di ricerca e di innovazioni tecnico-scientifiche pubbliche e private in nuove imprese ad alto contenuto tecnologico, ITAtech ha una dotazione iniziale pari a 200 milioni di euro, messi a disposizione in parti uguali da CDP e FEI, ed è aperta all’ingresso di ulteriori investitori. L’obiettivo di ITAtech è di stimolare l’ecosistema italiano all’innovazione e alla competitività internazionale, facilitando l’accesso all’equity e agli investimenti per l’innovazione lungo l’intero ciclo di vita del business, dagli stadi di start-up e seed alle fasi di crescita ed espansione, così come alla valorizzazione e alla commercializzazione della proprietà intellettuale. A febbraio di quest’anno ha suscitato commenti e polemiche la notizia, anticipata da EconomyUp, per cui ITAtech ha deciso di assegnare 40milioni al fondo  di venture capital francese Sofinnova. I soldi pubblici italiani destinati a sostenere l’innovazione e il trasferimento tecnologico sono così andati a una società francese. L’argomento fu anche oggetto di un question time alla Camera nel 2017, con replica dell’allora ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

11 luglio 2018


Articoli correlati
reply