Social lending, con Soisy prestiti online tra privati in 24 ore
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Social lending, con Soisy prestito online tra privati in 24h

Sono uscito dalla banca per fondare Soisy: una banca senza la banca, senza burocrazia e scartoffie: parola di Pietro Cesati, CEO & Founder di Soisy, piattaforma di prestiti online tra privati, un fenomeno che va sempre più consolidandosi con il passare del tempo.

Pietro Cesati – CEO & Founder di Soisy

Nato circa una decina di anni fa nei paesi anglosassoni, il cosiddetto Social Lending (o P2P Lending), consiste in un prestito erogato da un privato ad un altro via web. Soisy offre una piattaforma online che permette di far incontrare chi ha bisogno di un prestito con coloro che sono disposti a investire (e a guadagnare con gli interessi), il tutto senza bisogno dell’intermediazione di una banca. Soisy è una delle realtà che ‘abiteranno’ a breve nel Fintech District milanese, startup innovativa finanziata con 1.290.000 euro raccolti tra i fondatori e altri investitori privati, mentre un altro milione di euro (a tasso zero) è stato ottenuto grazie alla vittoria dal programma Smart&Start Italia.

Perché dunque i privati dovrebbero rivolgersi a Soisy? Innanzitutto per la facilità di accesso: per dare il via ad un’operazione basta essere maggiorenni e titolari di un conto corrente bancario italiano. Coloro che richiedono un prestito possono beneficiare di condizioni agevoli con rate moderate e senza dover fare i conti con la paura di cavilli nascosti o spese improvvise. Il tutto attraverso un sistema facile da comprendere e davvero rapido, considerando che, mediamente, i tempi necessari per un preventivo sono di circa 1 minuto, 5-6 minuti per l’esito della propria richiesta e 1 giorno per ottenere il finanziamento. Per gli investitori invece, trasparenza e sicurezza, dato che Soisy rispetta gli standard di sicurezza previsti dalla legge, essendo un istituto autorizzato e vigilato dalla Banca d’Italia, e rendimenti che vanno dal 4% al 7,2%. Per proteggere il denaro degli investitori, l’azienda prevede un meccanismo chiamato Garanzia di Rendimento: un vero e proprio “salvadanaio” a cui tutti i finanziatori possono contribuire rinunciando a una piccola parte dei propri guadagni, che interviene per coprire i casi di insolvenza. Ovviamente per alimentare la fiducia tra investitori e richiedenti è necessario che questi ultimi si impegnino in formule sostenibili, dato che il denaro che riceveranno sarà messo a disposizione da persone comuni. Per questo Soisy consiglia di compiere prima un’autovalutazione di sostenibilità (generalmente facendo in modo che la rata mensile non superi 1/3 delle proprie entrate mensili dimostrabili).

L’azienda ha dimostrato nel corso del tempo di tenere ai propri utenti, ricambiando la fiducia di chi è entrato a far parte della community Soisy con iniziative come Give You Back, in cui è stato re-distribuito agli investitori il 10% degli interessi pagati da tutti i prestiti finanziati nel periodo di attività compreso tra il 1 luglio e il 31 dicembre 2017. Il bonus viene ripartito in parti uguali, indipendentemente dall’importo che questi hanno investito: chiunque avrà effettuato un investimento di almeno 100€ entro il 1 luglio 2017, mantenendo il profilo da investitore attivo fino al 31 dicembre 2017, potrà ricevere il dividendo.

In un periodo in cui le banche tradizionali chiedono sempre più spesso i soldi di tutti per coprire le perdite dei loro investimenti sbagliati, ci è sembrato giusto marcare ancora una volta la differenza – spiega Pietro Cesati, – Sono le persone che danno valore alla nostra piattaforma: non solo in termini monetari ma con suggerimenti, idee e proposte che migliorano giornalmente il nostro business. Abbiamo voluto premiare gli investitori più affezionati perché grazie a loro possiamo continuare ad aiutare anche i richiedenti prestito offrendo condizioni di finanziamento più convenienti di quelle abitualmente disponibili sul mercato del credito [Fonte: CorCom].

 

SETTORE DI APPARTENENZA: Prestiti tra privati

DATA DI COSTITUZIONE: gennaio 2015

DATA DI LANCIO PUBBLICO: aprile 2016

CAPITALI RACCOLTI: 1.290.000€ di capitale sociale + 1.000.000 di fondi Invitalia dal programma Smart&StartItalia

ETÀ MEDIA: 37 anni

DIPENDENTI: 11

 

Contributor: Alessio Spinelli

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

13 ottobre 2017


Articoli correlati
Video Consigliati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply