Insurtech e fintech, lo scenario europeo secondo Spiros Margaris - video
Spiros Margaris, lo scenario fintech e insurtech in Europa (e dopo la brexit)

Video intervista a Blast2017 a Spiros Margaris, VC e Influencer, che offre diversi insight sullo scenario insurtech e fintech in Europa, e nel dopo brexit

In questa video intervista realizzata a Blast2017 dal direttore di Startupbusiness Emil Abirascid, Spiros Margaris, uno dei più importanti influencer mondiali del fintech e dell’insurtech, nonchè venture capitalist, offre alcune considerazioni sullo scenario europeo.

“La brexit è positiva per l’Europa”

Margaris vede la brexit come una grande opportunità per l’ecosistema europeo, in quanto ha spostato l’attenzione dal Regno Unito, dove fino a oggi si era concentrata l’industria fintech, ad altri contesti territoriali, Italia compresa, portando un nuovo focus anche sul fronte investitori, che cercano alternative e si chiedono cosa succede in Italia? cosa succede in Francia?

“L’insurtech non è ancora massicciamente disruptive come il fintech”

Call4Startup
Hai un progetto innovativo in area Energy? La Responsabilità sociale al centro della Call4Startup

Il settore insurtech non ha ancora vissuto la grande disruption del fintech, sostiene Margaris, poichè è un settore fortemente regolamentato, quindi il cambiamento avviene in modo molto più lento. Dove già si vede forte evoluzione è nel B2C , dove c’è molta interazione con i clienti, e anche più forte accesso delle startup insurtech, lo dimostrano casi come Lemonade o Oscar. Ma non esiste ancora la startup che arrivi a coprire l’intero panorama dei bisogni assicurativi. C’è ancora molto da fare nell’interazione tra assicurazioni e clienti, che fino a oggi hanno avuto tre punti di contatto: quando si stipula, quando si paga e per i risarcimenti. Ma la tecnologia e i dati che assicurazioni e ri-assicuratori hanno già nel loro back-end è molto elevata, ma devono cominciare ad usarla per creare più interazione con i clienti.

“In Italia il governo deve fare di più per sostenere le startup smart, perchè le startup sono il futuro, il futuro dell’economia. Come i bambini sono indispensabili per la sopravvivenza della specie umana, così le startup sono indispensabili per l’economia. I governi dovrebbero gestire questa faccenda come farebbe una famiglia, in cui i figli sono la cosa più importante, sono il futuro, e devono essere loro a dire di cosa hanno bisogno”.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

20 maggio 2017


Video Consigliati
reply