edutech

Spunto, la startup per l’apprendimento inclusivo

La neonata startup ha realizzato la web app che consente a chiunque di accedere a strumenti formativi che aiutano anche gli studenti con difficoltà

Pubblicato il 23 Set 2023

I co-fondatori di Spunto

Spunto è la startup che ha lanciato la web app per supportare gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento rendendo lo studio su misura, riducendo i tempi e insegnando un metodo di studio efficace per raggiungere i propri obiettivi.

“Essendo dislessica ho sempre sognato uno strumento in grado di aiutarmi nello studio, di farmi sentire sicura e in grado di fare i compiti da sola. Avendo vissuto sulla mia pelle le stesse difficoltà che i ragazzi provano ancora oggi e utilizzando i mezzi offerti dalle nuove tecnologie, abbiamo creato uno strumento in grado di offrire un supporto concreto”, afferma in una nota Martina Brugnara, che insieme a Nicolò Maggioni, ha dato vita a Spunto. 

Spunto si propone di supportare e formare studenti consapevoli che frequentano le classi a partire dalla quinta elementare fino alle superiori accrescendone l’autostima e permettendo a tutti di raggiungere i propri obiettivi, collaborando con gli altri e sviluppando una didattica inclusiva.

“Crediamo che grazie hai nostri strumenti, gli alunni potranno mostrare a tutti il loro potenziale mettendo in luce le unicità che li contraddistinguono” – affermano i due co-fondatori.

Sulla piattaforma, grazie a mappe concettuali, audio riassunti e i quiz gli studenti e gli insegnanti possono interagire e collaborare alla creazione del materiale di studio, promuovendo un apprendimento inclusivo.

Undici materie e strumenti multimediali

Utilizzare la piattaforma è semplicissimo e a portata di clic. Basta accedere al sito www.spuntoeducation.it, creare un account scegliendo tra il profilo studente, tutor e docente.

WHITEPAPER
Startup: quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
Open Innovation
Startup

In un’unica web app lo studente potrà creare e personalizzare le mappe concettuali, ascoltare e dettare riassunti, testare i risultati raggiunti grazie a decine di quiz, scegliendo la modalità di apprendimento che più lo rappresenta.

Ogni utente avrà a disposizione un archivio con 11 materie ed oltre 800 strumenti che consente di ridurre i tempi di studio, potrà organizzare le giornate attraverso l’agenda e condividere performance e obiettivi raggiunti con compagni di classe, tutor e insegnanti.

L’accessibilità presente in ogni sezione, consente di avere libero accesso ai contenuti della web app. Permettendo a chiunque di utilizzarli, indipendentemente dalle proprie capacità psico-motorie e dal dispositivo utilizzato per navigare.

Grazie a Spunto, gli studenti hanno la possibilità di imparare, scegliendo la modalità di apprendimento che meglio li rispecchia: Le mappe, strumenti grafici in grado di chiarire e riordinare i concetti importati per rappresentare la conoscenza in modo visivo, consentono di apprendere o ripassare una grande mole di informazioni.

Gli audio riassunti dove è possibile dettare o scrivere testi, utilizzando la sintesi vocale per leggerli permettendo di ascoltare a lungo senza affaticarsi a differenza della lettura. “La nostra è una sintesi vocale di qualità, la voce è gradevole e scorrevole, ben lontana dalle voci di sintesi dal timbro artificiale e un po’ robotico” .

Con i Quiz, lo studente potrà testare il proprio livello di preparazione, azione fondamentale per auto-valutarsi, consentendo il miglioramento. Rispondendo a 10 domande inerenti all’argomento selezionato cliccando su vero o falso, in pochi minuti si potrà avere un riscontro diretto del proprio studio. Alla fine delle domande si potranno vedere le risposte errate o corrette e decidere se riprovare o ripassare l’argomento.

Il modello di business di Spunto fa leva sia su una relazione di tipo B2C con gli studenti e le loro famiglie sia B2B lavorando direttamente con gli istituti scolastici.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3