vc voice

Square II, ecco il nuovo fondo seed di 360 Capital

Il fondo annuncia il closing a 45 milioni di euro e si focalizza su deeptech, B2B software e consumer tech in startup del sud Europa

13 Giu 2022
Fausto Boni, co-fondatore 360 Capital

Si chiama 360 Square II ed è il nuovo fondo di 360 Capital che annuncia il closing a 45 milioni di euro. Il venture capital punta a replicare la performance del fondo 360 Square I, chiuso a novembre 2015 a 34 milioni di euro che ha effettuato 24 investimenti in aziende di successo come Exotec (il 25° unicorno francese), Preligens, le italiane Casavo e Neutrino (venduta nel 2019 a Coinbase), Alsid (venduta nel 2021 a Tenable), Bergamotte (venduta nel 2021 a Bloom&Wild), Tediber (ceduta nel 2021 tramite un management buyout) e Tiller Systems (venduta a SumUp, anch’essa nel 2021).

La strategia di investimento di 360 Square II è in linea con quella del primo fondo e si focalizzerà su investimenti in società in fase pre-seed e seed con un ticket d’investimento compreso tra 200 mila e 2 milioni di euro. Gli investimenti rimarranno focalizzati prevalentemente sui settori deeptech, B2B software e consumer tech in tutta l’area del Sud Europa: Italia, Francia, Spagna. I due primi investimenti di questo nuovo fondo sono in fase di finalizzazione e verranno annunciati a breve.

Il lancio del nuovo fondo è stato possibile grazie al supporto di investitori istituzionali di primo piano, tra cui Bpifrance attraverso il Fonds National d’Amorçage 2, MAIF Avenir, Crédit Mutuel Arkéa, Groupe Rocher, e alcuni business angel.

In oltre 25 anni di attività 360 Capital ha dimostrato una forte capacità nell’anticipare i trend tecnologici e nell’identificare imprenditori ad altissimo potenziale, capaci di trasformare questi trend in storie imprenditoriali di successo.

Fausto Boni, co-fondatore e general partner di 360 Capital, dichiara in una nota: “Negli ultimi tempi abbiamo assistito a un evidente cambiamento dell’ecosistema VC, che ci ha convinto ancora più a concentrarci sugli investimenti in early stage. Riteniamo infatti che questa fase del ciclo di vita delle startup offra la migliore combinazione rischio-rendimento, anche alla luce della crescente concorrenza nei round di rifinanziamento successivi, dai serie B in avanti, e una maggiore presenza di investitori statunitensi, anglosassoni e asiatici. 360 Square II è la logica continuazione dell’esperienza e delle capacità maturate in 25 anni di attività nel sostenere la crescita di imprese di successo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4