report

Startup cleantech e blue economy, il report presentato a COP28

Il report, realizzato da Startup Genome, analizza l’andamento degli investimenti in startup che sviluppano innovazioni a supporto della lotta al cambiamento climatico

Pubblicato il 01 Dic 2023

Il rapporto sull’ecosistema globale delle startup Climatetech Edition di Startup Genome e del Global Entrepreneurship Network è stato presentato in occasione della COP28 in corso a Dubai.

Il rapporto esplora il potenziale di cleantech e della blue economy, esaminando lo stato attuale dell’attività di startup e degli investimenti associati in questi settori e una classifica che riflette quali sono gli ecosistemi globali che stanno attualmente guidando l’innovazione.

Il rapporto è un’edizione speciale che esamina sia il cleantech sia la blue economy, due sotto-settori di startup tecnologiche che sono strettamente interconnessi ma con caratteristiche uniche. Cleantech si riferisce a soluzioni sostenibili nei settori dell’energia, dell’acqua, dei trasporti, dell’agricoltura e della produzione che includono materiali avanzati, reti intelligenti, trattamento delle acque, stoccaggio efficiente dell’energia e sistemi energetici distribuiti. La blue economy è definita come l’uso sostenibile delle risorse oceaniche per la crescita economica, il miglioramento dei mezzi di sussistenza e la creazione di posti di lavoro, preservando al contempo la salute dell’ecosistema oceanico.

I principali dati per il settore cleantech

Tra il primo semestre 2020 e il primo semestre 2023 i finanziamenti cleantech serie A sono aumentati del 73% e quelli di serie B del 166%.

WHITEPAPER
ESG: tutto quello che c’è da sapere
Environment
Corporate Social Responsability

Nel secondo trimestre del 2023, il cleantech ha aumentato la sua quota di investimenti serie A del 25% rispetto a tutti gli altri sotto-settori di startup tecnologiche, rispetto al 14% del quarto trimestre del 2022. La quota di finanziamenti serie B di cleantech è passata dal 10% al 20% nello stesso periodo. Il settore cleantech ha registrato il maggior numero di operazioni serie A tra il quarto trimestre del 2022 e il secondo trimestre del 2023, rispetto a tutti i sotto-settori, e il secondo più alto numero di operazioni di serie B (dopo intelligenza artificiale e big data).

Nonostante il calo globale dei finanziamenti VC, i finanziamenti serie A cleantech sono aumentati del 15% in termini assoluti tra il quarto trimestre del 2022 e il secondo trimestre del 2023, l’aumento maggiore tra tutti i sotto-settori.

investimenti startup cleantech

Grazie ai forti investimenti nel 2022, l’Europa è in testa a tutte le regioni in termini di quota di finanziamenti serie A tra il primo semestre 2020 e il primo semestre 2023. La Silicon Valley e Londra sono i principali ecosistemi cleantech del mondo, rispettivamente al primo e al secondo posto.

Amsterdam è passata dal 7° posto nel 2021 al 3°, con il maggior numero di startup cleantech in Europa al di fuori di Londra. Singapore è salita di ben 18 posizioni, passando dal n. 26 al n. 8, ed è l’unico ecosistema asiatico nella top 10.

Seoul ha fatto la sua prima apparizione nella classifica cleantech, al 15° posto. Anche due nuovi ecosistemi cinesi sono entrati nella classifica cleantech: Wuxi al 19° posto e Hangzhou al 22° posto.

Nella regione MENA, i finanziamenti cleantech early-stage sono aumentati del 56% nel 2022 rispetto al 2018.

I principali dati relativi alla blue economy

L’Europa ha superato il Nord America nella quota di finanziamenti serie A per la blue economy. Nel primo semestre del 2023, i finanziamenti di serie A nella blue economy sono aumentati del 31% rispetto al primo semestre del 2021.

La media delle operazioni serie A della blue economy è aumentata del 40% dal primo semestre 2021 al primo semestre 2023.

Singapore rimane l’ecosistema di startup leader a livello mondiale per la blue economy grazie all’elevato numero di startup rilevanti e al forte sostegno universitario all’innovazione della blue economy.

Il Nord America ospita 10 dei 25 principali ecosistemi della blue economy, di cui 8 negli Stati Uniti.

investimenti startup blue economy

La exit da 407 milioni di dollari di iXblue ha contribuito a far salire Parigi dal 22° all’11° posto della classifica.

La Danimarca occidentale, Helsinki, Houston e Hong Kong sono entrate nella top 25 per la prima volta, mentre quattro Paesi hanno ciascuno due ecosistemi nella top 25: Canada, Danimarca, Germania e Regno Unito.

“Gli imprenditori devono essere i primi ad affrontare una delle sfide più urgenti del mondo e questo report è una testimonianza del nostro impegno nel promuovere l’innovazione cleantech e blue economy”, afferma in una nota JF Gauthier, fondatore e CEO di Startup Genome.

“Abbiamo bisogno di aumentare l’offerta di innovatori – dalle università, dai laboratori, dagli incubatori e dai garage di tutto il mondo – e dobbiamo accelerare l’innovazione, dobbiamo metterli in contatto con partner aziendali e governi che possano scalare queste innovazioni per avere un impatto globale sostenibile”, dice Todd Allmendinger, direttore consulenza e ricerca, Cleantech Group

Il rapporto realizzato in collaborazione con Canada’s Ocean Supercluster, Cleantech Group, La Zone Bleue e Mississippi Development Authority è consultabile a questo link.

WHITEPAPER
Ecco il toolbox tecnologico di cui la tua azienda ha (molto) bisogno
Realtà virtuale
Open Innovation
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4