Startup fintech, ecco le 11 da tenere d'occhio nel 2019
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Startup fintech, ecco le 11 da tenere d’occhio nel 2019

Un rapporto che migliora quello tra italiani e fintech, e cresce anche il numero e l’importanza delle startup che si rivolgono a questo mercato, soprattutto in ambito retail.

Il 2018 si è caratterizzato in ambito startup come anno record: secondo gli Osservatori del Politecnico di Milano,  c’è stato il raddoppio nella quantità degli investimenti realizzati nel corso dell’anno, diverse exit, un super deal da 100 milioni, ne avevamo parlato in questo articolo.

Sono recentemente arrivati, grazie a un altro report dell’Osservatorio Fintech e Insurtech del Politecnico di Milano, anche i dati relativi a questi due specifici settori, che confermano un trend molto positivo per quanto riguarda il mercato, soprattutto quello retail.

Il mercato fintech in Italia

Come riporta EconomyUp, sono 11 milioni gli italiani (ovvero 1 su 4) che hanno utilizzato almeno un servizio fintech nel 2018 e ne sono rimasti soddisfatti: particolarmente graditi i servizi di mobile payment, i servizi per gestire il proprio budget personale e familiare e i servizi per trasferimenti istantanei di denaro tra privati, oltre a servizi in ambito assicurativo come la gestione digitale dei sinistri e le micro-polizze.

Di base, gli italiani continuano a nutrire fiducia negli istituti finanziari: questi raccolgono le preferenze delle 73% degli utenti in materia di finanziamenti e del 65% nel caso della gestione del risparmio. Salgono però le aspettative dei clienti rispetto agli ‘standard di qualità’ degli istituti stessi: imprescindibile la presenza di servizi di base disponibili gratuitamente, la trasparenza degli investimenti, la velocità nelle operazioni, la possibilità di avere incontri di persona nei casi più complessi. La relazione umana continua a essere molto importante per l’utente medio italiano, privato o aziendale, e tale preferenza la si è vista confermata anche in relazione allo studio specifico sul roboadvisor: le piattaforme censite dall’Osservatorio a livello mondiale sono 147, tra startup e operatori di asset e wealth management, diverse delle quali sono presenti anche in Italia. “Nell’ultimo anno si sta invertendo un trend che prevedeva piattaforme completamente automatizzate, mentre aumenta la presenza di un referente umano che presidi o affianchi l’automazione”  dice Laura Grassi Vice Direttore Osservatorio.
Per le PMI, il rapporto indica che il 92% delle imprese utilizza l’home banking attraverso un computer, mentre il 55%  interagisce con la propria banca tramite un’applicazione per smartphone. I prodotti finanziari più utilizzati dalle PMI sono l’anticipo su fatture (71%) e le soluzioni di leasing (66%), mentre sono poco sfruttate gli strumenti di previsione del Cash Flow (18%). Solo il 5% delle imprese campione ha già utilizzato metodi di finanziamento alternativi come Minibond, P2P Lending, Crowdfunding, soluzioni di Supply Chain Finance, tutti strumenti che sono ben poco conosciuti. Persistono ancora alcune PMI che non utilizzano neanche pc (8%).

Le startup fintech in Italia

Cresce l’ecosistema startup fintech italiano, sebbene ancora indietro rispetto ad altri contesti geografici come Usa e Cina, paesi in cui si sfiorano i 14 miliardi di dollari investiti nel settore nel 2018. Otto startup (tra fintech e insurtech) hanno già superato la soglia del milione di dollari di finanziamenti ricevuti per 44 milioni di dollari complessivi; fuori da questo registro, ricordiamo che nel 2018 nel nostro Paese  il più alto investimento di venture capital pari a 100 milioni di euro è andato all’insurtech Prima Assicurazioni e altre due fintech, Credimi e Satispay, sono nella top 10 delle startup più finanziate nel corso dell’anno, secondo il report Startup Hi-tech dell’omonimo Osservatorio.  Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio  Fintech e Insurtech, commenta: “Non ci aspettavamo una crescita così importante. Inoltre non sono non solo stiamo assistendo a una sempre maggiore collaborazione tra attori consolidati e startup, ma anche a un sempre più rilevante desiderio di trovare nuovi modelli di business innovativi integrati”.

L’insurtech in Italia

Il settore insurtech comprende oggi 107 startup, secondo il censimento degli Osservatori e mostra il tasso di crescita più elevato +174% rispetto al 2017. Il 24% delle nuove imprese (in ambito fintech e insurtech) adotta un modello di business collaborativo (B2B) con le aziende incumbent, ma la maggior parte mira a sostituirsi a banche e assicurazioni ponendosi come concorrente su un numero ristretto di servizi o addirittura offrendo un pacchetto completo di servizi bancari e assicurativi.

Il deal dell’anno è avvenuto proprio in ambito insurtech e non è inserito nel report degli Osservatori poiché il periodo di analisi si è chiuso precedentemente all’annuncio di questo investimento. Si tratta di Prima Assicurazioni, un mega deal per il contesto italiano che vede un consistente impegno di investitori internazionali, in questo specifico caso statunitensi. Goldman Sachs Private Capital Investing e Blackstone Group Tactical Opportunities sono infatti i sottoscrittori dell’aumento di capitale da 100 milioni di euro a favore di Prima Assicurazioni. Prima Assicurazioni vende online le proprie assicurazioni auto (non è un broker) sfrutta sofisticate tecnologie di intelligenza artificiale per comprendere al meglio i bisogni e le necessità di ogni singolo utente.

Prima.it è stata fondata da Alberto Genovese (già fondatore di Facile.it), George Ottathycal e Teodoro D’Ambrosio nel 2013 e ha ricevuto investimenti da R-301 Capital e TA Ventures. La società inoltre ha un accordo con Munich Re e conta oltre 250mila clienti.

Quello realizzato da Prima.it è il più grande round di VC growth mai fatto su una tech company italiana.

 

11 startup fintech italiane che si sono distinte nel 2018 e su cui puntare ancora nel 2019

Satispay

Satispay ha realizzato un’applicazione per il mobile payment, sicura e vantaggiosa. Oltre a consentire di  effettuare pagamenti direttamente dallo smartphone nei negozi, online, di bollettini postali, alcuni servizi di trasporto e di inviare denaro agli amici, offre anche incentivi ‘pay-back’ e funzionalità per gestione di piccoli risparmi. Ha raccolto complessivamente 42 milioni di euro.

Credimi 

Startup italiana che ha sviluppato l’omonima piattaforma di factoring digitale, recentemente ha annunciato un nuovo aumento di capitale del valore di 10 milioni di euro. In poco più di un anno e mezzo ha già erogato finanziamenti per oltre 150 milioni di euro, diventando di fatto il più grande “lender digitale” per imprese dell’Europa continentale. Autorizzata da Banca d’Italia alla concessione di finanziamenti diretti al pubblico come Intermediario Finanziario, è utilizzata da oltre 3.000 imprese, di ogni dimensione, categoria e provenienza geografica che hanno trovato nella piattaforma un canale di finanziamento più potente, flessibile e veloce delle tradizionali banche e factor. La promessa della piattaforma è quella di ottenere l’anticipo fattura in sole 48 ore, con un processo tutto digitale.

Mioassicuratore

Si cosidera il primo broker assicurativo italiano completamente digitale e fra i primi al mondo: esperienza di acquisto completamente digitale e quantità elevata di prodotti assicurativi, attualmente la startup lavora con 35 compagnie partner, distribuisce circa 125 tipologie di polizze, ha oltre 240mila utenti registrati e profilati secondo le proprie esigenze assicurative, cresce del 20% mese su mese nell’ultimo anno. Ha recentemente ottenuto un investimento da 1,5 milioni di euro.

Soisy

Soisy è una piattaforma di prestiti tra privati  autorizzata da Banca d’Italia e fondata a Milano nel gennaio 2015 dall’iniziativa di Pietro Cesati e Andrea Sandro, operativa da aprile 2016. E’ nata per permettere alle persone di prestarsi soldi direttamente e senza intermediazioni. Da novembre 2017  Soisy si è specializzata nel finanziare acquisti rateali di prodotti e servizi, su e-commerce e in negozio, introducendo, per la prima volta in Italia, il marketplace lendingLa sua è la prima campagna di equity crowdfunding in ambito fintech a superare il milione di euro e una delle operazioni più rapide in assoluto tra quelle effettuate in questo settore, raggiungendo la cifra di 1.250.000 euro con un overfunding di 350.000 €, in soli 8 giorni.

Neosurance

Startup insurtech, ha sviluppato una tecnologia B2B basata su intelligenza artificiale e machine learning che permette alle compagnie di proporre micro polizze istantanee dove, quando e per quanto serve al cliente. Con Axa Italia, Neosurance ha lanciato sul mercato la prima instant insurance per l’assistenza e la copertura di spese mediche in viaggio. Ha già avviato il processo di internazionalizzazione negli Stati Uniti

Euclidea

La società investe i risparmi delle persone, mercato retail,  proponendosi come alternativa alla banca o alla rete di promozione finanziaria. Euclidea ha sviluppato la sua piattaforma software con strumenti open source, che utilizza anche intelligenza artificiale, ma non si riconosce nel robo-advisoring in quanto la componente tecnologica è a supporto del team e non si sostituisce ad esso. Dal punto di vista normativo Euclidea è una Sim (Società intermediazione mobiliare) di gestione con detenzione.

Conio

Ha l’obiettivo di rendere semplici, sicure e senza grattacapi fiscali le monete virtuali, in particolare il Bitcoin. Conio è oggi tra le prime società fintech in Europa a offrire alle istituzioni finanziarie, banche e assicurazioni, soluzioni integrate per la gestione di asset digitali, dai wallet per la gestione delle criptovalute all’integrazione dei protocolli blockchain all’interno di carte e servizi di pagamento su smartphone. Le soluzioni e i wallet Conio sono offerti in white e private label e sono integrabili all’interno delle applicazioni finanziarie offerte dagli istituti bancari alla propria clientela retail, private e corporate. Lo scorso giugno ha chiuso un round da 3 milioni di dollari.

Yolo

Startup insurtech, è un broker di nuova generazione che grazie alla propria tecnologia basata su intelligenza artificiale, IoT, chabot fornisce agli utenti un’esperienza digitale completa e nuove polizze on-demand e pay-per-use. Ha partnership attive con diverse Compagnie: Chubb, Axa, Reale Mutua, Europ assistance, Sara Assicurazioni, Helvetia. Ha raccolto un milione in un primo round d’investimento, e sta attualmente facendo fundraising. Ha dichiarato 10mila clienti unici nel 2018 e punta sui 100mila per il 2019.

OvalMoney

Oval Money nasce per aiutare gli utenti a risparmiare e a mettere da parte del denaro con regolarità, cioè è una sorta di salvadanaio digitale, che grazie alla sua tecnologia di machine learning  analizza i comportamenti finanziari e gli stili di vita degli utenti e utilizza i dati raccolti per incoraggiarli ad accumulare capitali allo scopo di investire. E’ stata co-fondata da Benedetta Arese Lucini, anche Ceo, intervistata qui.

Moneyfarm

Moneyfarm è oggi una società internazionale di gestione del risparmio specializzata negli investimenti a medio-lungo termine. Tramite la sua piattaforma online offre a oltre 30mila clienti in Italia e nel Regno Unito una consulenza finanziaria accessibile, indipendente e trasparente. Grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali Moneyfarm ha sviluppato un modello innovativo che le permette di fornire un servizio di gestione finanziaria semplice, trasparente e a costi inferiori a quelli offerti dai gestori tradizionali. Ha raccolto complessivamente circa 70 milioni di euro e già realizzato due acquisizioni, Earnst e Vaamo.

CashMe

E’ una piattaforma di intermediazione di fatture commerciali fondata da Marcello Scalmati.  Lo scorso settembre ha realizzato un aumento di capitale da 1,5 milioni di euro.  La piattaforma consente alle PMI di ottenere finanziamenti a fronte di crediti commerciali in essere facendo leva sul merito di credito dei loro clienti, mentre gli investitori hanno accesso a una nuova classe di attività con rendimenti corretti per il rischio equo tra l’8% e il 12%. Sino a fine dicembre 2017 CashMe aveva transato un totale di 9,1 milioni di euro di fatture.

 

 

 

 

 

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

17 dicembre 2018

Categorie:

Must Read, Report


Articoli correlati
Video Consigliati
reply