Svizzera, opportunità e competenze per l’innovazione nel manufacturing

11 Mag 2021

Swiss Business Hub Italy insieme a Startupbusiness ha organizzato lo scorso 5 maggio un webinar per illustrare le opportunità che offre la Svizzera alle imprese che operano nel settore o che sono interessate all’advanced, smart e additive manufacturing.

L’event0 – che potete rivedere nella sua interezza – ha visto la partecipazione di Stefan Zwicky, head Swiss Business Hub Italy che ha illustra le modalità con cui le imprese italiane possono avvicinarsi alle opportunità offerte dalla Confederazione Elvetica oltre a uno scenario generale che ha i suoi punti di forza nella snellezza burocratica, nella gestione degli aspetti fiscali e nella solidità generale del sistema che lo rende adatto anche come trampolino per l’ulteriore espansione verso altri mercati sia in Europa sia a livello globale.

Massimo Zanardini, senior consultant presso IQ Consulting offre una fotografia dello scenario che riguarda la cosiddetta industria 4.0 in modo specifico l’adozione di tecnologie che consentono di innovare i processi produttivi e manifatturieri affiancando alla tradizionale manifattura sottrattiva le nuove tecniche di manifattura additiva e altre tecnologie che concorrono a rendere la produzione di beni sempre più efficace, ambientalmente compatibile ed economicamente competitiva.

sono poi intervenuti Bruno Studach, operational director M2C, EPFL Neuchâtel, Christophe Moser, Institute of MicroEngineering, EPFL Lausanne, section director and head of the Laboratory of Applied photonics devices e Max Monti, head of partnerships and valorisation Haute-Ecole Arc (HES-SO) Neuchâtel Berne Jura che hanno mostrato come in Svizzera vi sono competenze di alto livello capaci di supportare le imprese nello sviluppare le loro soluzioni tecnologiche indipendentemente dal settore produttivo cui operano. Studach ha fatto vedere come oggi è possibile e vantaggioso costruire prodotti di ogni tipo e dimensione che sono il frutto dell’integrazione tra manifattura sottrattiva e additiva, Moser ha posto enfasi sul ruolo che la stampa 3D può avere anche in ambito biotecnologico e Monti ha illustrato un nuovo modello di fabbrica, un prototipo modulare che può essere applicato in diversi contesti e che in pratica può consentire di costruire una fabbrica in un qualsiasi luogo possa essere necessario produrre oggetti, componenti e pezzi di ricambio, si pensi per esempio a un ospedale che potrebbe disporre di una di queste soluzioni per realizzare in modo rapido, veloce e in base alle esigenze del momento, specifici componenti per meglio assistere i pazienti.

Nell’articolo che anticipava il webinar e che potete leggere qui , tutte le informazioni per entrare in contatto con Swiss Business Hub Italy. 

Articolo 1 di 4