Uber pitch deck, ecco i primi progetti del colosso della sharing economy
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Uber rivela il suo primo pitch deck

In principio era UberCab. Era il 2008 quando il gigante dell’industria on-demand e pioniere della sharing economy, che oggi vive un momento di difficoltà che ha portato anche alle dimissioni (richieste dal Board) del fondatore e Ceo di sempre Travis Kalanick , muoveva i suoi primi passi con un’idea ben precisa in mente: portare innovazione e digitale nel sistema di trasporto con i taxi delle principali città americane, piuttosto antiquato e oramai inadeguato ai tempi, un sistema che risultava essere di scarsa qualità e costoso per i clienti e poco remunerativo per i tassisti.

A nove anni dalla fondazione della società, Garrett Camp, ideatore e co-fondatore insieme a Kalanick di Uber, ha deciso di rendere pubblico tramite Medium il primissimo pitch deck realizzato per presentare ai primi investitori il progetto. Il post è un’occasione per Garrett per parlare di Uber in chiave positiva, condividendo il ‘come eravamo’ e che segue quello più propriamente di autocritica realizzato qualche tempo prima. 

Come si può leggere nelle slide, le ambizioni di UberCab non andavano oltre, a livello di mercato, al target dei professionisti che continuamente si spostano in città per lavoro, ma già si intravedevano ulteriori casi d’uso, come gli spostamenti di persone anziane o il ritiro di bambini da scuola. L’obiettivo era offrire un servizio di trasporto speciale ‘ faster & cheaper than a limo, but nicer & safer than a taxicab’. Si ipotizzava anche la creazione di una flotta di auto a basso impatto ambientale, progetto che deve essersi schiantato immediatamente contro i primi VC. Un pitch deck sempliciotto si direbbe, che non lascia certo immaginare nulla rispetto al roseo futuro della società.

Qui link a slideshare.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

23 agosto 2017

Categorie:

Case History, Risorse


Articoli correlati
reply