UniCredit Start Lab 2019, candidarsi si può fino al 16 aprile
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
UniCredit Start Lab 2019, candidarsi si può fino al 16 aprile

Ultimi giorni di tempo per candidarsi a UniCredit Start Lab 2019, fino al 16 aprile prossimo si potrà fare application in uno dei 4 settori di riferimento (Life Science, Made in Italy, Digital e Clean Tech), ed essere selezionati per partecipare a un intenso programma di accelerazione che ha aiutato tante altre startup e pmi innovative italiane.

Per partecipare la procedura da seguire è completamente online: le startup e PMI candidate dovranno includere un business plan completo del progetto imprenditoriale, l’informativa per il trattamento dei dati personali e il rilascio del consenso secondo le modalità indicate nella piattaforma di iscrizione online, a questo indirizzo.

Termine di presentazione delle domande, il 16 aprile 2019. 

Le informazioni fornite dal candidato saranno oggetto di valutazione in relazione a specifiche aree di analisi:

-Caratteristiche dell’Impresa/Progetto Imprenditoriale

-Mercato e Settore di riferimento

-Team Proponente

-Qualità del Piano Aziendale fornito, compresi i dati e le proiezioni economico-finanziarie indicate, cui si aggiunge il parere di esperti, coinvolti in specifiche commissioni esaminatrici e settoriali per verificare i requisiti di innovazione, di originalità e di talento imprenditoriale la cui ricerca costituisce la finalità della selezione stessa. 

Possono partecipare Startup e Pmi Innovative costituite da non più di 5 anni, che operino nei seguenti settori:

Innovative Made in Italy: categoria in cui si ricadono aziende ad alto potenziale in settori chiave dell’imprenditoria italiana come l’agrifood, la moda, il design, le nanotecnologie, la robotica, la meccanica e il turismo;

Digital: rientrano in questa classe le aziende e idee imprenditoriali relative a sistemi cloud, hardware, app mobile, internet of things, servizi e piattaforme B2B e fintech;

Clean Tech: sarà l’ambito d’azione dei business plan inerenti soluzioni per l’efficienza energetica, le energie rinnovabili, la mobilità sostenibile e il trattamento dei rifiuti;

Life Science: categoria all’interno della quale si individueranno i progetti più importanti in tema di biotecnologie e farmaceutica, medical device, digital health care e tecnologie assistive.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

08 aprile 2019

Categorie:

Video


Articoli correlati
reply