retailtech

We are Emma, ecco la rivoluzione dei parrucchieri per signora

La startup parte con un finanziamento da 1,6 milioni di euro ed è co-fondata da Vanessa Zani Guasti e Danilo Gasparrini che già ha creato Bun Burgers

Pubblicato il 25 Mag 2023

We are Emma è il progetto imprenditoriale pronto a rivoluzionare il concetto di hair salon, nato da un’idea di Danilo Gasparrini e Vanessa Zani Guasti e forte di un investimento iniziale di 1 milione e 600 mila euro, apre il suo primo salone a Milano. 

Qualità e rapidità di esecuzione; innovazione e sostenibilità; e ancora un mix unico di retail, hair spa e servizi digitali personalizzati e smart sono gli asset che si uniscono a un approccio tech per dare vita a un’esperienza di beauty luxury accessibile e declinata in chiave inclusiva e rispettosa della diversità – così una nota diffusa dalla startup descrive il progetto. 

La filosofia del nuovo progetto imprenditoriale riflette la visione dei due fondatori, Danilo Gasparrini e Vanessa Zani Guasti, che si basa su una formula che associa la tecnologia a business tradizionali come già accaduto con Bun Burgers, il brand con cui Gasparrini ha innovato il concetto di fast food.

“We are Emma nasce dalla nostra volontà di creare qualcosa che non c’era in un settore, quello dell’haircare, che a differenza dei barbershop, non ha avuto tra i suoi recenti driver l’innovazione tecnologica. Questo aspetto, unitamente all’importanza che la cura dei capelli riveste nell’attuale concetto di benessere, ci ha portati a sviluppare un format identitario in cui l’alta qualità dei servizi offerti fosse direttamente proporzionale alla loro accessibilità, sia in termini economici che di razionalizzazione dei tempi”, commenta Danilo Gasparrini.

La nuova startup si presenta oggi sul mercato italiano forte di un capitale iniziale di 1 milione e 600 mila euro frutto dell’investimento di un club deal di cui fanno parte nomi importanti dell’imprenditoria nazionale, tra cui Matteo De Brabant, Ceresio Investors, Grippo, Caravatti, Visconti, Lazzaroni, Marco Coin e altri, che hanno creduto da subito nel progetto.

Il primo salone a Milano

Primo passo è l’apertura del salone di via Mercato 8 a Milano in cui si esprime l’essenza del business model di We are Emma: i servizi di solo styling e di blow dry, non sono previsti né cut né color, e trattamenti per il benessere dei capelli; lo shop di prodotti selezionati in virtù della loro essenza sostenibile; il bar per vivere momenti di relax. Il tutto declinato in un ambiente di design in cui godere di un servizio personalizzato che mira alla razionalizzazione sia delle tempistiche che dei costi per il consumatore grazie a un sistema efficiente garantito dalla tecnologia utilizzata.

WHITEPAPER
Industria 4.0: Scopri come accedere ai fondi della Nuova Sabatini per innovare la tua impresa
Protocolli IoT
Machine to machine

Danilo Gasparrini, presidente e co-fondatore di We are Emma, vanta una forte versatilità imprenditoriale che gli ha permesso, nel tempo, di approcciare realtà diverse tra di loro ma unite da un riconoscibile approccio digitale. CEO e co- fondatore di Babotel, web agency e online marketing consulting company con un focus in digital strategy, è stato CEO e co-fondatore di di Bun Burgers. Accanto a lui in qualità di co-fondatrice, Vanessa Zani Guasti, già director di Babotel in cui ha maturato un’esperienza in digital marketing e innovazione e precedentemente un esperienza decennale in multinazionali del settore medicale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3