investimenti

Caracol raccoglie 3,5 milioni di euro da Eureka! e Primo Space

La società innovativa opera nel settore dell’additive manufacturing e nel 3d printing di grandi dimensioni, al round hanno partecipato anche un gruppo di business angel

14 Set 2021

Primo Ventures attraverso il fondo Primo Space Fund ed Eureka! Venture attraverso il fondo Eureka! Fund in qualità di lead investor, al fianco di un gruppo di business angel investono 3,5 milioni di euro in Caracol, Pmi innovativa specializzata in servizi avanzati di additive manufacturing.

Lanciata come startup innovativa a fine 2017 da Francesco De Stefano, Jacopo Gervasini, Paolo Cassis e Giovanni Avallone, Caracol ha trasformato dei supporti robotici in una tecnologia integrata di additive manufacturing, anche a seguito di attività di ricerca sul mondo del 3d e del generative design svolta al Politecnico di Milano. Grazie allo sviluppo hardware di un sistema innovativo di estrusione brevettato e a degli algoritmi software proprietari: il sistema robotico di Caracol permette di produrre componenti in monoscocca di dimensioni elevate, con geometrie molto complesse e con il “direct printing” di materiali compositi ad alte performance meccaniche e termiche. L’innovazione di Caracol risiede quindi nel superare i limiti dimensionali delle tradizionali stampanti 3d industriali, con costi operativi inferiori rispetto a processi tradizionali e ad altre soluzioni sul mercato.

Caracol mira così a rinnovare radicalmente l’attuale sistema produttivo, aiutando inoltre le aziende manifatturiere a raggiungere importanti obiettivi di sostenibilità. La tecnologia di Caracol è stata infatti studiata per assicurare un processo che, stampando direttamente da pellet, elimina e potenzialmente riutilizza la gran parte degli scarti produttivi, tipici dei processi sottrattivi.

“La chiusura di questo round segna per Caracol una tappa fondamentale del suo percorso di crescita – dichiara in una nota Francesco De Stefano, co-fondatore e CEO di Caracol -. Grazie alla partnership con importanti attori del mondo dell’innovazione tecnologica, come Primo Space ed Eureka!, Caracol avrà la possibilità di accelerare lo sviluppo tecnologico e consolidarsi come azienda leader nella stampa 3d di grandi dimensioni per applicazioni avanzante in settori ad alta performance, quali per esempio automotive e aerospace. Un ringraziamento va anche ai nostri partner Growth Capital, Fieldfisher e HiLex che ci hanno assistito nella chiusura dell’operazione”.

Il capitale apportato nel round di finanziamento consentirà gli investimenti di Caracol su progetti di ricerca e sviluppo volti ad accelerare l’industrializzazione del proprio sistema robotico di manifattura additiva, allargare il range di materiali lavorati e aumentare il numero di applicazioni processabili. Inoltre, l’azienda punta ad aumentare la capacità produttiva e a rafforzare la propria espansione commerciale, grazie all’apertura di una nuova sede e all’ampliamento del proprio organico, raddoppiando il team nei prossimi 12 mesi. Punta inoltre a ottenere la certificazione ISO9100, Caracol avrà modo di accelerare il suo sviluppo commerciale su settori come aerospazio, auto, nautica ed energia.

Matteo Cascinari, general partner di Primo Space Fund dice: “L’industria dello spazio sta attraversando un processo di profonda trasformazione anche sotto il profilo produttivo e alcune realizzazioni dell’industria aerospaziale possono trarre vantaggio dal 3d printing. Siamo fiduciosi che la qualità della tecnologia e del team di Caracol possano giocare in quest’ambito un ruolo rilevante”.

Stefano Peroncini, CEO di Eureka! Venture, commenta: “Caracol è uno straordinario esempio di innovazione, coperta da una solida strategia brevettuale, che consente di valorizzare contemporaneamente sia le tipologie di materiali in uso nell’additive manufacturing che i sistemi robotici per la produzione su grandi dimensioni, ottenendo performance in termini di qualità, costi e tempi di realizzazione migliorativi rispetto ad altre tecniche standard”. Peroncini aggiunge anche che “questo è il sesto investimento da quando abbiamo avviato operativamente il fondo Eureka! (luglio 2020, quindi in un solo anno) e che altre due operazioni in spinoff universitari saranno annunciati entro fine mese”. (Photo by Petar Petkovski on Unsplash)

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4