Finanziamenti pubblici alle start up, perchè fanno male
Finanziamenti pubblici, perchè fanno male alle startup (video)

I soldi pubblici alle start up fanno male aumentano i rischi della nuova società, dice il fondatore di im3D (che ha raccolto 15m € di venture capital).

In questo video Davide Dettori, fondatore e CEO di im3D, società che realizza dispositivi medici destinati all’impiego nella diagnostica di imaging medicale, startup che ha raccolto fino a oggi 15 milioni di euro d’investimenti venture capital, spiega perché non ha mai pensato di rivolgersi al settore pubblico per trovare capitali e perché reputa controproducenti i finanziamenti pubblici alle start up.

“Mi sono reso conto da subito che fare un piano industriale basandolo su fondi pubblici è impraticabile – dice – I fondi pubblici sono incertezze nel momento in cui li chiedi, se arrivano, quando arrivano, quanto arriva…”.

Insomma, per una startup il percorso che nasce sul finanziamento pubblico è ancora più ricco di insidie.

“La startup è per sua natura un progetto a rischio, un progetto in cui bisogna essere molto focalizzati, se devi anche rischiare il futuro della startup sulla base dei soldi del finanziamento pubblico metti ancora più a rischio tutto il progetto industriale”.

21 luglio ore 10.30
Ascolta Federico Frattini sul futuro della Smart Energy!Partecipa al live streaming Innovation2live

Il settore pubblico deve dare alle startup il mercato non i finanziamenti, dice anche Dettori, cioè credere nell’innovazione ed essere un cliente delle startup. Con tempi compatibili con l’evoluzione tecnologica e meno burocrazia.

 

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

20 marzo 2017


Video Consigliati
reply