Food delivery, cosa fa Hotbox con l'energia dello scooter
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Food delivery, cosa fa Hotbox con l’energia dello scooter

Mai più pizze fredde e mollicce. Hotbox, startup fondata a Maranello (nome legale Beyond Engineering), ha inventato un dispositivo e un servizio all’avanguardia per il settore della distribuzione alimentare. Il dispositivo conserva cibi caldi e fragranti, dalla prima all’ultima consegna, sfruttando l’energia termica in eccesso prodotta dallo scooter.

Con questo dispositivo è dunque possibile ampliare il raggio di consegna e risparmiare in termini di tempi e costi. Hotbox porta un valore aggiunto al servizio di delivery, elevando il suo standard di qualità del servizio.

Hotbox mantiene i cibi a una temperatura di 90°C, permette il ricircolo dell’aria eliminando quindi la condensa, deumidifica.

I vantaggi della soluzioni sono sia sul lato cliente perché, come si diceva, il cibo arriva al destinatario caldo e fragrante; sia lato ristoratore o servizio di delivery, poiché al di là della maggiore soddisfazione del cliente stesso, il sistema permette di smaltire più ordini con la stessa consegna o consegnare il cibo a distanze maggiori, coprendo quindi un bacino di utenti maggiore, risparmiando in termini di tempi e costi del servizio a domicilio.

Attualmente la startup è accelerata da Startupbootcamp FoodTech di Roma.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

12 febbraio 2019

Categorie:

Italian Startups, Video


Articoli correlati
reply