how to

Horizon Europe: le opportunità di finanziamento per startup

Il nuovo Programma europeo di finanziamenti per l’innovazione con un budget aggiunto di 15 miliardi di euro e una programmazione più ampia

Pubblicato il 13 Lug 2023

Horizon Europe: come funziona il programma di finanziamento

Horizon Europe è il Programma europeo “sequel” di Horizon 2020 per la ricerca e l’innovazione nel periodo 2021-2027.

Con i suoi 95,5 miliardi di euro (di cui 5,4 miliardi destinati al piano per la ripresa Next Generation EU) a oggi rappresenta il più vasto programma internazionale di ricerca e innovazione al mondo. I finanziamenti vengono operati partendo dalle call for proposal. Il Programma è realizzato direttamente dalla Commissione europea.

WHITEPAPER
Ecco il toolbox tecnologico di cui la tua azienda ha (molto) bisogno
Realtà virtuale
Open Innovation

La nuova edizione ha un budget più importante, oltre 15 miliardi di euro in più, che si estende sui sette anni, per permettere un maggiore investimento. C’è anche una maggiore enfasi sul risultato: ciò che si vuole fare è andare a trasformare la scienza e l’innovazione in soluzioni e tecnologie per il mercato, mantenendo così la leadership europea in alcuni settori di competitività e di sviluppo.

Innovazione e ricerca: gli obiettivi dei finanziamenti Horizon Europe

L’obiettivo generale di Horizon Europe è ottenere un impatto scientifico, tecnologico, economico e sociale dagli investimenti dell’UE in ricerca e innovazione. Il fine è quello di rafforzare le basi scientifiche e tecnologiche dell’Unione e promuovere la sua competitività in tutti gli Stati membri.

Gli obiettivi operativi del programma specifico sono i seguenti:

  1. a) rafforzare la ricerca di frontiera e di base d’eccellenza; rafforzare e diffondere l’eccellenza, anche favorendo una più ampia partecipazione in tutta l’Unione;
  2. b) rafforzare il legame tra la ricerca, l’innovazione e, se del caso, l’istruzione e le altre politiche, incluse le complementarità con le politiche e le attività di R&I a livello nazionale, regionale e dell’Unione;
  3. c) sostenere l’attuazione delle priorità d’intervento dell’Unione, inclusi in particolare gli SDG e l’accordo di Parigi;
  4. d) promuovere la R&I responsabile, tenendo conto del principio precauzionale;
  5. e) rafforzare la dimensione di genere nell’ambito del programma specifico;
  6. f) accrescere i legami di collaborazione nella R&I europea attraverso i settori e le discipline, incluse le scienze sociali e umane;
  7. g) rafforzare la cooperazione internazionale;
  8. h) collegare e sviluppare le infrastrutture di ricerca in tutto lo Spazio europeo della ricerca (SER) e fornire un accesso transnazionale;
  9. i) attrarre i talenti, formare e trattenere i ricercatori e gli innovatori nel SER, anche tramite la mobilità

Sono quindi tutti obiettivi che non potrebbero essere realizzati in modo efficace e autonomo dai singoli Stati membri.

Come Horizon Europe può aiutare startup e PMI

Da un lato possono partecipare ai bandi sia le startup sia le PMI innovative per condurre progetti di ricerca e sviluppo tecnologico, dall’altro queste, grazie al Programma, possono accedere al mercato attraverso servizi di consulenza, mentoring, assistenza nella commercializzazione e nell’espansione internazionale.

Nello specifico ci sono strumenti dedicati per le PMI, come per esempio il programma European Innovation Council (EIC). L’EIC Accelerator, precedentemente noto come SME Instrument, fornisce finanziamenti e supporto alle PMI per lo sviluppo e la commercializzazione di innovazioni ad alto potenziale. Attraverso l’EIC Accelerator, le PMI possono ottenere finanziamenti fino a diversi milioni di euro, nonché supporto aggiuntivo come mentorship, coaching e accesso a reti di investitori.

Horizon Europe è una opportunità per le startup e PMI in quanto offre loro networking e visibilità. Potranno quindi partecipare a eventi, workshop, conferenze e incontri di networking con altri attori dell’innovazione e della ricerca in Europa per sviluppare o diventare partner strategici.

Questi benefici poi possono avvenire indirettamente tramite gli attori che vi partecipano direttamente. Per esempio il piano di investimenti da 890 milioni di euro in attività che affrontano sfide globali dell’EIT (Istituto europeo di tecnologie e innovazione) il quale finora ha dato vita a più di 3200 startup e scaleup.

Oppure il bando Eurostars 3 aperto quest’anno sia per le startup sia per le PMI innovative che desiderano sviluppare progetti di ricerca e sviluppo e accelerare il processo di internazionalizzazione.

Le tendenze e le sfide dell’innovazione nell’ambito di Horizon Europe

Le tendenze e sfide che trasformeranno l’innovazione sono tante e disparate. Dalla Transizione Green per la riduzione delle emissioni di carbonio, l’efficienza energetica, le energie rinnovabili, la mobilità sostenibile, l’agricoltura e l’alimentazione sostenibile, nonché l’economia circolare, alla digitalizzazione e intelligenza artificiale tramite tecnologie digitali avanzate, come l’intelligenza artificiale, l’internet delle cose, la blockchain, la robotica e la sicurezza informatica, le quali possono portare a trasformazioni significative in diversi settori, come la salute, l’industria manifatturiera, l’energia e la mobilità. Dalla salute e benessere contro malattie come il cancro, alla trasformazione digitale attraverso processi di automazione, industria 4.0, digitalizzazione e crescita di settori emergenti, come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, la biotecnologia, la nanotecnologia e i materiali avanzati, alla inclusione sociale (maggiore attenzione quindi ai temi etici e di impatto sociale dell’innovazione), cooperazione internazionale (tramite ad esempio l’apertura a partner non europei) e accesso ai finanziamenti (contro la burocrazia).

Horizon Europe: il programma di finanziamento per progetti green e sostenibili

Horizon Europe apre le strade a progetti green e sostenibili non solo quindi per le sfide e tendenze che si propone nell’innovazione, ma anche perché queste tematiche rientrano in pieno nelle sue 5 aree di missioni:

  • Cancro
  • Adattamento al cambiamento climatico
  • Oceani, mari, acque costiere e interne sani
  • Città climaticamente neutre e intelligenti
  • Cibo e terreni sani

Il programma è fortemente orientato alla sostenibilità e alla transizione verso un’economia verde tramite alcuni bandi ad hoc e finanziamenti. Infatti le mission e gli obiettivi si accordano totalmente con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico e con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Inoltre all’interno di Horizon Europe è previsto anche il Fondo di transizione giusta, che fornisce finanziamenti per progetti di riconversione e di diversificazione delle aree e delle industrie dipendenti dai combustibili fossili, favorendo la creazione di posti di lavoro sostenibili e la coesione sociale.

Come prepararsi e presentare una proposta di progetto per Horizon Europe

Per partecipare bisogna innanzitutto decidere a quale bando aperto del Programma si vuole rispondere. I bandi sono pubblicati sul portale ufficiale Funding & Tender portal.

Poi è necessario preparare una proposta di progetto seguendo il formulario e le regole stabilite dalla Commissione europea e soprattutto una delle tre tipologie di proposal template presenti sempre sul medesimo portale. Sono già disponibili i modelli per le tre tipologie principali di progetto: Proposal template per Research and Innovation Action (RIA) e per Innovation Action (IA) e Proposal template per Coordination and Support Action (CSA).

Ogni soggetto proponente dovrà dotarsi di un PIC code (Participant Identification Code) per la partecipazione al bando. Le proposte sottomesse attraverso il Funding & Tender Portal saranno poi esaminate da esperti valutatori nominati dalla Commissione europea. (Foto di ALEXANDRE LALLEMAND su Unsplash )

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2