Talent management, IAG partecipa con 280k€ al round di Yobs Technologies
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
IAG partecipa con 280k€ al round di Yobs Technologies

L’azienda Usa Yobs Technologies (intelligenza artificiale applicata al talent management) raccoglie un round da 2 milioni di dollari a cui partecipano anche i business angel IAG con 280 mila €

“Abbiamo ritenuto l’utilizzo dell’Artificial Intelligence per valutare le soft-skill dirompente nel processo di reclutamento delle aziende. Per questo i soci IAG si sono impegnati a supportare i founder di Yobs (attiva nel talent management, ndr) sia investendo nell’azienda, sia supportandoli con contatti e know-how per accelerarne lo sviluppo commerciale in Italia. Il tutto ovviamente Privacy compliant anche con il GDPR”, spiegano Roberto Montandon e Anna De Stefano, soci IAG e Champion dell’investimento in Yobs commentando la notizia che il gruppo di business angel italiano ha partecipato con una quota di 280 mila euro al nuovo round della società che ha raccolto un totale di due milioni di dollari. 

Cosa fa Yobs Technologies

Yobs Technologies nasce nel 2016 in California da due giovani imprenditori europei, Raphael Danilo e Federico Dubini, ha collaborato con i migliori dipartimenti di Industrial Psychology, esperti di Data Science e HR per rivoluzionare i processi di talent decision delle grandi aziende tramite il supporto di dati, essenziali per predire in modo oggettivo culture and role fit e per implementare soluzioni di planning e control.

La ricerca ha dimostrato che nell’era dell’automation, la personalità, i soft skill, l’emotional intelligence sono diventati, e saranno sempre più, i parametri essenziali per predire le performance dei candidati e delle persone all’interno delle organizzazioni. Il team ha costruito una soluzione innovativa che, andando a captare oltre 400 parametri da video interviste (espressioni facciali, grammatica, sintassi …), registra i performance driver di ogni organizzazione e sostiene le risorse umane, consigliando i migliori candidati in base a dati scientifici. Diversi validation study hanno già dimostrato che tali soluzioni permettono alle società clienti di aumentare la velocità di assunzione del 62%, il successo dei colloqui del 45%, la diversità dei talenti scelti del 61%.

Yobs opera e punta ad affermarsi nel mercato del talent acquisition e del talent management, i quali negli ultimi anni hanno dimostrato una forte esigenza di digitalizzazione e ottimizzazione dei processi.

“Da imprenditore italiano che opera all’estero, sono molto felice di poter collaborare con Italian Angels for Growth – dichiara Federico Dubini, Co-founder di Yobs in una nota –. Nonostante l’Italia non sia uno dei mercati più forti nel digitale, rappresenta una grande opportunità. Molte aziende del nostro paese, operative a livello globale, hanno bisogno, più di altre, di ottimizzare i propri processi per competere a livello mondiale. Siamo sicuri che con la notevole esperienza, capacità e conoscenza del mercato dei vari membri di IAG, svolgeremo un ruolo importante nel rispondere a questa esigenza. Il primo asset di ogni azienda sono le proprie persone: il nostro obiettivo è aiutare le aziende a valorizzare i propri talenti lungo il loro life time all’interno dell’organizzazione: dalla selezione, all’internal mobility, fino all’outplacement. Il tutto grazie a soluzioni in grado di capitalizzare correttamente la ricchezza dei dati”.

 “Nel corso del 2019 IAG ha già finalizzato 5 investimenti per un totale di €2,1 milioni e sono in fase di due diligence ulteriori 4 progetti per un totale di €1,5 milioni – dichiara Antonio Leone, Presidente di Italian Angels for Growth – Costante è infatti l’impegno da parte di tutto il team ed il network IAG per la generazione di innovazione, informando soprattutto le piccole e medie aziende italiane sul ruolo dei business angel come facilitatori nel rapporto con le startup”.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

15 ottobre 2019

Categorie:

Scaleup, Vc Voice


Articoli correlati
Video Consigliati
reply