ecosistema

Incubatori di startup in Italia, ecco chi sono e come funzionano

LA fotografia aggiornata degli incubatori per startup presenti in Italia con le loro caratteristiche principali e con le diverse tipologie di incubatori secondo le definizioni internazionali

05 Ago 2021

Cos’è un incubatore di startup

Una startup innovativa ha un periodo di vita breve che si è soliti individuare in un lasso di tempo di circa 5 anni. Tra le varie difficoltà che insorgono, sia in fase iniziale che in seguito, riguardano non solo l’equity e la componente finance, ma soprattutto quel know-how di capacità manageriali utili a non perdere tempo e disperdere il cash flow. Ecco perché è nata l’attività di business incubation – già ne avevamo parlato qui.

[CALL FOR start-ups]
Martech Solutions: how innovative are yours? Apply now!
Startup
Trade

Secondo la definizione della Commissione Europea, un incubatore d’impresa è “un’organizzazione che accelera e rende sistematico il processo di creazione di nuove imprese fornendo loro una vasta gamma di servizi di supporto integrati che includono gli spazi fisici dell’incubatore, i servizi di supporto allo sviluppo del business e le opportunità di integrazione e networking”.

In altre parole la business incubation mira a far convivere una nuova impresa in uno spazio condiviso con molte altre startup, nel quale potrà accedere a vari servizi, fino al momento in cui non ci si sposterà in uno spazio più ampio per lo sviluppo del proprio business.

Come funziona un incubatore

Ci sono vari modelli di incubazione che possono essere offerti dai diversi incubatori o singolarmente o nell’insieme:

  • Pre-incubazione: è la prima fase e riguarda tutte quelle attività utili all’imprenditore nello sviluppo di una certa business idea, con l’obiettivo di accrescere le possibilità di passare alla successiva fase di startup. All’inizio vi è sempre un idea assessment dove vengono valutate le idee proposte dagli startupper. Una volta individuate le idee migliori, l’incubatore offre ai loro startupper vari servizi per definire il reale business model, attraverso quindi la redazione di un business plan. L’incubatore trasmetterà il suo know-how tramite sessioni di training one-to-one per formare o migliorare le competenze del team, quali soprattutto: normativa sulla proprietà intellettuale, amministrazione, contabilità e marketing.
  • Incubazione: è una fase di medio termine. Non è altro che l’avvio dell’attività di impresa sul mercato. Di solito ha una durata di tre anni, il periodo esplicativo per vedere se la startup ha avuto successo ed ha significative chances di diventare un’impresa matura. È la fase dove vengono messi a disposizione diversi servizi, quali lo spazio in cui svolgere l’attività; le risorse finanziari fornite dal medesimo incubatore o partner del suo network per rendere più facile la raccolta di capitale di debito come di equity (garantendo canali diretti con risorse di seed capital, business angel e fondi di VC) o favorire l’incontro con fondi di investimento; servizi di marketing; servizi di Coaching e mentoring per migliorare la formazione e la consulenza nello staff attraverso la guida di esperti qualificati.
  • Post-incubazione: l’ultima fase, quella di maturità dell’impresa perché in grado di abbandonare definitivamente l’incubatore ed entrare finalmente da sole nel mercato.

I modelli di incubatore

Ci sono diverse classificazioni del modello: quella fornita dall’Oecd che distingue gli incubatori in General/mixed-use incubator, ovvero rivolti ad un generale sviluppo del business; in Economic development incubator, ovvero nati da interventi governativi volti a creare nuove aziende o sostenere quelle esistenti ed in grado quindi di creare futura occupazione; Technology incubator, favoriscono il trasferimento tecnologico ed incoraggiando l’imprenditorialità tra i ricercatori.

C’è poi la classificazione proposta dall’Unione Europea che si basa sui servizi forniti alle imprese: i Pre-incubator, che offrono servizi legati alla fase di pre-incubazione; gli Academic incubator, presenti nelle università o nei centri di ricerca, sviluppando business idea proposte da studenti o risultanti da attività di ricerca e sviluppo e spin-off; General purpose incubator, che offrono servizi dalla pre alla post-incubazione; Sector-specific incubator, che offrono servizi dalla pre alla post-incubazione, ma con particolare attenzione a specifici settori quali, ad esempio, la chimica, l’ambiente, l’agro-food -perché richiedenti strutture/competenze altamente specifiche; Enterprise hotel, che forniscono servizi fisici di incubazione, collocati in grandi aree metropolitane dove le disponibilità ed i costi per spazi di ufficio e produzione rappresentano una forte limitazione per chi vuole avviare un’attività.

Infine la classificazione legata alla natura dello sponsor dell’incubatore, se si tratti di struttura pubblica o private e quindi dal profilo rispettivamente non-profit oppure profit oriented: Corporate incubator, VC-incubator, Fondazioni, University incubator ecc.

Incubatori di startup in Italia

Molto spesso un incubatore è anche un acceleratore e viceversa. Pertanto, per l’elenco proposto di seguito ci si è basati su quelli italiani e quelli internazionali presenti anche in Italia, che svolgono solamente una funzione di incubatore e non acceleratore, o magari che svolgono maggiormente la prima. Per gli acceleratori ne abbiamo già parlato qui.

Basilicata
Sviluppo Basilicata: Matera

Calabria
Tech Nest: Arcavacata di Rende, Cs

Campania
012Factory: Caserta

Centro il Faro: Casalnuovo di Napoli

Città della Scienza: Napoli

Campania NewSteel: Napoli

Abruzzo

Digital Borgo: Pescara

Lazio

Bic Lazio: Roma

Enel Lab: Roma

Luiss Enlabs: Roma

Impact Hub: Roma

Innova: Roma

Italia Camp: Roma

Umbria
Italeaf: Nera Montoro – Narni

Marche
BP Cube

JCube: Jesi (AN)

The Hive: Ancona

Toscana

Incubatore d’Impresa Polo Tecnologico di Navacchio: Navacchio di Cascina (PI)

Incubatore del Comune di Minucciano: Minucciano

Pont-Tech: Pontedera (Pisa)

Fondazione Toscana Life Sciences: Siena

Emilia Romagna

Almacube: Bologna

U-Start: Lugo

Incubatore SiproCube: Ferrara

Innovami: Imola (BO)

VZ19 Startup Factory: Pieve di Cento (BO)

Liguria
Wylab: Chiavari (GE)

Lombardia

Impact Hub, Milano : Milano. (la rete Impact Hub ha in Italia diverse sedi, consulta dove sono su questa mappa. )

BioUpper: Milano

Digital Magics: Milano

FabriQ: Milano

Incubatore d’impresa: Bergamo

Incubatore Alimenta: Milano

Key Capital: Milano

Make a Cube: Milano

Polihub: Milano

Superpartes: Brescia

Unicredit Start Lab: Milano

Veneto
Fondazione la fornace dell’innovazione: Asolo – TV

Incubatore di Venezia: Ca’ Farsetti Venezia

M31 Italia: Padova

Vega In Cube: Venezia

StartCube: Padova

Friuli Venezia Giulia

Bic Incubatori FVG: Trieste

Innovation Factory: Trieste

Piemonte
Enne3: Novara

2i3T: Torino

I3P: Torino

Incubatore del Consorzio Univer: Vercelli

Incubatore d’impresa Tecnogranda: Dronero (CN)

SellaLab: Biella (HQ)

Sardegna
Bioncubatore Polaris: Piscinamanna Pula

The Net Value: Cagliari

Sicilia
Consorzio Arca: Palermo

Trentino Alto Adige
HIT – Hub Innovazione Trentino: Trento

Valle D’Aosta
Pépinière d’Enterprises Espace Aosta: Aosta.

Altri incubatori (a impatto sociale) qui. 

(Photo by Elena Mozhvilo on Unsplash )

Open-F@b Call4Ideas 2021
Un'assicurazione più accessibile a tutti? Candidati al contest, hai tempo fino al 26 settembre!
Finanza/Assicurazioni
Startup
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4