Investimenti in startup, cosa manca in Italia
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Investimenti in startup, cosa manca in Italia

Emil Abirascid  parla con Dario Giudici di SiamoSoci dei freni e delle diffidenze rispetto all’investimento in startup che ancora esistono nell’ecosistema italiano. Un ecosistema molto cresciuto negli ultimi anni, ma nel quale i capitali investiti sono ancora troppo pochi.

In Italia c’è da sempre capacità imprenditoriale, la qualità delle startup e dell’ecosistema è migliorato, ma ancora mancano alcuni ingredienti, secondo Giudici, in particolare a livello “culturale” nel mondo degli investitori : cioè manca la consapevolezza che oggi gli investimenti in startup possano diventare una strategia per diversificare il portfolio; e manca anche la consapevolezza che non è essere necessario essere “esperti” di startup, perchè vi sono strumenti, veicoli e piattaforme che agevolano e mediano questo tipo di investimenti.

SiamoSoci è una piattaforma di questo tipo, uno degli ultimi investimenti che sono stati realizzati attraverso la piattaforma è quello annunciato nei giorni scorsi nella startup Le Cicogne. 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

23 luglio 2016


Articoli correlati
reply