L'equity crowdfunding tiene in piedi gli investimenti in startup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
L’equity crowdfunding tiene in piedi gli investimenti in startup

Secondo il calcolo realizzato da Agi, nei primi 6 mesi del 2017 sono stati investiti 75,3 milioni in imprese innovative italiane, in calo del 13% rispetto a quello relativi allo stesso periodo dello scorso anno, chiuso a quota 86,2 milioni.

Il dato include anche i 936 mila euro che arrivano da campagne di equity crowdfunding chiuse con successo, nello stesso periodo, che rappresentano come segmento a se stante, l’unico punto di crescita nel complesso settore degli investimenti in startup.

Infatti, l’equity crowdfunding italiano, secondo un report dell’Osservatorio Crowdinvesting della School of Management del Politecnico di Milano, ha dimostrato nel 2017 notevole vitalità con un aumento dei volumi del 123%. In 6 mesi è stata superata la raccolta di tutto il 2016.

Nel primo semestre del 2017, attraverso le piattaforme italiane di equity crowdfunding, 23 società hanno raccolto 5 milioni di euro, più di quanto raccolto in tutto il 2016 (€4,3 milioni per 19 società finanziate).

Delle 23 società finanziate nel 2017, 19 sono startup innovative, 2 sono PMI innovative e una è un OICR (Organismo di Investimento Collettivo del Risparmio), laddove quasi tutte le rispettive campagne, 20 su 23 (87%), sono andate in overfunding, hanno cioè raccolto più del loro obiettivo minimo: se, infatti, mediamente, l’obiettivo minimo di raccolta è stato di poco più di 100mila euro (118mila), la raccolta effettiva, sempre in media, è quasi raddoppiata, superando i 200mila euro (220mila).

Per ciascuna campagna di successo sono stati 63 gli investitori che hanno sottoscritto le quote offerte, per un investimento medio a testa di 3.500 euro. Nel 2016 39 investitori per campagna che avevano investito 5.800.

Le due che hanno maggiormente contribuito ai risultati dei primi 6 mesi di quest’anno sono Crowdfundme e Mamacrowd, ciascuna con 7 società finanziate, per complessivi 3,3 milioni di euro (66% del totale). Mamacrowd ha avuto una media di 64 investitori per campagna con investimento medio di 4.000 euro, Crowdfundme ne ha avuti quasi il doppio, 119, con investimento medio di 1.800 euro.

La raccolta complessiva in campagne di equity crowdfunding dal 2014 ha raggiunto i 12,5 milioni di euro, per un totale di 53 imprese finanziate. Numeri ancora relativamente bassi, soprattutto se confrontati con quelli di altri Paesi, ma caratterizzati da un trend di crescita che fa ben sperare per il futuro anche in rapporto alla stagnazione del mercato degli investimenti da parte di altri operatori come i venture capitalist. E che fa emergere la capacità delle piattaforme di selezionare e dare supporto a progetti molto innovativi, basti pensare a recenti campagne di grande successo come Graphene-XT e Green Energy Storage, su Mamacrowd; o Biogenera su Tip Ventures queste due ultime ancora in corso ma ‘overfunded’ in un brevissimo lasso di tempo e ancora aperte.

-Leggi di più su EconomyUp

 

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

11 luglio 2017

Categorie:

Must Read, Report


Articoli correlati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply