Megatrend, startup e innovazione nell'ecosistema europeo Sport Tech
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Megatrend, startup e innovazione nell’ecosistema europeo Sport Tech

Questo è il secondo articolo di Trentino Sviluppo – Area Marketing Strategico (progetto Cluster Sport) per esplorare come il mondo dell’industria sportiva si sta evolvendo e innovando attraverso la tecnologia e nuovi modelli di business. Il primo è qui.

Il business sportivo in generale sta assistendo a una crescita sistemica generale. Il solo mercato calcistico europeo è considerato avere un valore di oltre 25 miliardi di euro nel 2019 (Deloitte). Ma quali sono le tendenze (o i Megatrend) nell’ecosistema europeo delle tecnologie sportive? Diamo uno sguardo ai principali e più autorevoli rapporti e diamo uno sguardo al mondo delle startup per capire quali tendenze sconvolgeranno e domineranno negli anni a venire.

Noi di Trentino Sviluppo stiamo monitorando queste evoluzioni con web-seminari come “Innovazione e Business Development in Sport” e “Trasformazione Digitale” – ma anche con una letteratura di settore in crescita.

Il GSIC, il Global Sport Innovation Centre powered by Microsoft, articola strategicamente una visione: “Trasformazione digitale dell’industria sportiva nel 2025: Pensare il futuro”. Secondo questa visione multi-stakeholder, la tecnologia plasmerà il futuro dell’industria sportiva e la sua ridefinizione verso lo sportainment (in altre parole, la fusione dello sport con l’intrattenimento); la velocità con cui gli attori sportivi si adatteranno influenzerà i vincitori (e i perdenti) nella battaglia di trasformazione digitale; il monitoraggio, l’interpretazione e l’investimento nel modificare il comportamento dei consumatori determinerà l’evoluzione del gioco e degli stadi intelligenti; i dati personalizzati e le necessità individuali dei diversi giocatori dimostreranno che non esiste un “one size-fits-all” e – a volte – i quadri giuridici, gli organi di governo e (alcuni) sport tradizionali sono in ritardo.

La linea di partenza dell’industria sportiva di Deloitte descrive esattamente le “tendenze che dovrebbero perturbare e dominare il 2019”. A questo proposito, abbiamo visto proliferare e migliorare la qualità delle opzioni di streaming mediatico (dallo sviluppo di DAZN al lancio di ESPN+) e un aumento dell’attivismo dei giocatori che trascende il paesaggio sportivo e tocca il panorama delle azioni sociali e politiche (in particolare negli Stati Uniti). Ma si notano alcune tendenze come la velocità colossale in cui la Realtà Aumentata e la Realtà Virtuale – ma anche l’impegno personalizzato dei fan attraverso i dati e i Big Data – stanno entrando nel gioco dello sport.

“Sports Industry: lost in translation – PwC’s Sport Survey 2018” echeggia questo sentimento del mercato: se guardiamo allo stato dell’industria sportiva, la crescita del mercato – prevista al 7% – è stabile ma l’ottimismo è fondamentale in Asia (meno in Europa); le aziende tecnologiche sportive sono i motori dell’ottimismo, ma le emittenti tradizionali e le leghe lo sono meno; la trasformazione digitale sta rivoluzionando il panorama dello sport (il digitale è fondamentale, ma non c’è consenso sul modello futuro, l’incertezza sul futuro persiste e i cambiamenti nel comportamento dei consumatori sono una variabile essenziale dell’equazione).

Per cogliere le sfide del mondo dello sport, basta leggere l’elenco sul “Futuro dello sport globale” dell’Associazione delle Federazioni Internazionali Olimpiche Estive Internazionali (ASOIF): cambiamento dei comportamenti di consumo, coinvolgimento dei moderni fan, trasformazione digitale (soprattutto per i media), evoluzione delle sponsorizzazioni, esportazioni come mezzo per coinvolgere i giovani fan, organizzazione di mega-eventi, autonomia degli atleti, investimenti privati e coinvolgimento del settore pubblico nello sport, governance e integrità dello sport.

Come suggerisce l’ASOIF “negli ultimi anni, il rapido sviluppo delle nuove tecnologie mediatiche e i cambiamenti nel comportamento dei consumatori hanno portato cambiamenti significativi nel mondo dello sport. Nel complesso, il settore ha registrato una forte crescita e si stima che nel 2019 abbia un valore di 169,4 miliardi di dollari per valore di mercato (un aumento del 37% rispetto ai 123,7 miliardi di dollari del 2012). La sponsorizzazione è la parte del leone con 66 miliardi di dollari, seguita dai ricavi da ingressi e diritti media (entrambi a 46,8 miliardi di dollari) e poi dal merchandising, che è previsto in crescita a 20,8 miliardi di dollari (vedi analisi PwC)“.

Abbiamo una mappa – e la mappa si chiama “European Sport Tech Report 2019” (ESTR). In altre parole, se guardiamo al mondo delle startup, possiamo dare una prima occhiata al futuro dello sport. Alla sua seconda edizione, il rapporto evidenzia e illumina i fattori trainanti dell’European Sport Tech Ecosystem – come suggerisce il nome del rapporto.

L’ESTR lo sottolinea:

– L’importo totale investito nel settore ha raggiunto il massimo storico, con un totale di oltre 360 milioni di euro, con un aumento del 27% rispetto al 2017;

– Ci sono state 48 operazioni da 1 milione di euro o più, il che dimostra che gli investitori non temono di fare scommesse significative;

– 1.500 startup sportive e quasi 900 operazioni di investimento popolano l’ecosistema europeo Sport Tech Ecosystem;

– Se guardiamo ai primi 10 Paesi SportTech in Europa per numero di startup, il Regno Unito rimane il focolaio (Londra da sola rappresenta 15,8 startup in Europa, il Regno Unito accumula il 29,9% della scena startup europea), la Francia si posiziona al secondo posto (con il 9,6%) e l’Italia al settimo posto (con il 3,7% dei mercati startup);

– Se guardiamo alle 10 migliori città europee in SportsTech con i finanziamenti, Londra è il campione con quasi 100 milioni di euro investiti nell’ecosistema startup, Monaco di Baviera è seconda con 63 milioni di euro, Berlino con 26 milioni di euro, seguita da Stoccolma e Parigi;

– L’ESTR è davvero una mappa del paesaggio dell’Ecosistema europeo delle tecnologie sportive, con acceleratori, incubatori e iniziative provenienti da tutta Europa. Offre spunti strategici sull’evoluzione dell’ecosistema Sport Tech in crescita e apre la strada alla Rivoluzione delle tecnologie sportive in Europa.

L’innovazione, tuttavia, rimane – allo stesso tempo – gli elementi più sfuggenti e strategici del mondo di oggi. Ci sono mappe dell’innovazione (e qui di seguito vi presentiamo con quella sviluppata da SportsTechX sui programmi Accelerator & Incubator Programs in Europe for the Sport Ecosystem), ma non c’è un unico e chiaro percorso di innovazione.

Dobbiamo distinguere i macro-megatrend dalle opportunità micro-imprenditoriali per lo sviluppo del business. Come illustrano i rapporti qui citati, ci sono molte opportunità per il futuro. Tuttavia, non tutta l’innovazione, non tutte le startup e non tutti i megatrend porteranno al successo. “In teoria non c’è differenza tra teoria e pratica. In pratica c’è”.

E dobbiamo ricordare che stiamo vivendo la “Quarta Rivoluzione Industriale”: “In un mondo nuovo, non è il pesce grande che mangia il pesce piccolo, è il pesce veloce che mangia il pesce lento”.

Chi saranno i pesci veloci nella “Quarta Rivoluzione Industriale”? Ci si può scommettere, le asimmetrie informative rimarranno, ma l’informazione e la destrezza saranno determinanti cruciali per ogni attore, sia nel mondo digitale sia in quello reale. Anche nell’ecosistema Sport Tech, che è resiliente – ma non esente dall’accelerare la trasformazione digitale, spostando il comportamento dei consumatori e le scelte strategiche dei singoli attori.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

24 agosto 2019

Categorie:

Must Read


Articoli correlati
Video Consigliati
reply