MotorK, tra le 11 scaleup italiane scelte per il programma Techshare di Euronext
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
MotorK, tra le 11 scaleup italiane scelte per il programma Techshare di Euronext

“L’inserimento di MotorK tra le 11 società italiane giudicate mature per aderire al programma Techshare di Euronex – spiega a Startupbusiness Marco Marlia, Ceo e co-fondatore di MotorK – rappresenta un riconoscimento importante per il lavoro che abbiamo svolto finora, visto che sono state selezionate solo società mature e pronte a prepararsi alla quotazione in Borsa. La storia di MotorK, i traguardi raggiunti, la sua espansione internazionale sono elementi che provano lo sforzo e l’impegno che dedichiamo ogni giorno al progetto di digitalizzazione di tutta la filiera della distribuzione automotive. Sappiamo di avere davanti una missione complessa, ma già oggi siamo in grado di offrire prodotti, servizi e consulenza digitale in tutte le fasi che definiscono la customer journey automobilistica. Ci auguriamo che l’adesione a questo programma di coaching personalizzato acceleri il nostro cammino verso la quotazione: ricevere una formazione ad hoc in tutti gli aspetti propedeutici alla quotazione ci permetterà di compiere scelte di ampio respiro, operando con una visione di lungo termine, essenziale per assicurare il successo e la crescita della società”.

Marco Marlia Ceo MotorK

MotorK è infatti, insieme a BetaGlue, Buzzoole, Genenta, GreenBone, Greenrail, Mapendo, Newlisi, Silk Biomaterials, Supermercato24 e Xnext una delle aziende italiane selezione per il programma Techshare di Euronext. Si tratta di un programma specifico sviluppato dalla organizzazione che gestisce la Borsa valori pan-europea che è destinato ad aziende tecnologiche europee non quotate, in tutto sono 135 le imprese che parteciparanno a questa quarta edizione del programma di formazione.

È la prima volta che Euronext accoglie in questo programma società italiane: grazie alla sua rapida crescita e alle potenzialità del suo business e la ragione che ha spinto a scegliere tra le altre anche  MotorK che è stata fondata nel 2010 risiede nella sua capacità di essere diventata una delle realtà più importanti nello scenario del digital automotive, nonché partner di oltre il 90% delle case automobilistiche attive sul mercato europeo.

“Sono molto orgoglioso di farmi ambasciatore dell’eccellenza tecnologica ed imprenditoriale italiana con 11 società accuratamente selezionate e provenienti da diversi settori – dice a Startupbusiness Giovanni Vecchio, Director, Italian representative di Euronext – . E’ la conferma che il nostro Paese può e deve competere a livello internazionale ed è in grado di fornire al mercato realtà imprenditoriali e opportunità di investimento al pari degli altri paesi europei. Sono altresì convinto che il presentare alla comunità finanziaria internazionale società di questo calibro possa favorire la costruzione di casi di successo tali da disinnescare la fin troppo sperimentata diffidenza ad investire nelle realtà domestiche. Non a caso sono diverse le società italiane nel programma che hanno già coinvolto investitori esteri e ora si apprestano a preparare la strada per un nuovo significativo step di crescita in un contesto internazionale”.

Con una crescita a tre cifre anno su anno dalla sua fondazione e dopo aver ricevuto un round di investimenti di 10 milioni di dollari da due fondi di venture capital internazionali, MotorK ha puntato ad un consolidamento della sua presenza a livello internazionale, ed è ormai di fronte a nuove sfide di mercato.

Durante il biennio 2018/2019, MotorK avrà quindi l’opportunità di seguire un percorso di formazione biennale focalizzato all’IPO: l’obiettivo di Techshare è, infatti, aiutare le società a comprendere le potenzialità di un’eventuale quotazione e il ruolo dei mercati dei capitali all’interno della crescita, il tutto con la collaborazione di studi legali, revisori, consulenti finanziari e agenzie di comunicazione.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

08 ottobre 2018


Articoli correlati
reply