investimenti

Nuovi investimenti per Mamazen e due sue startup

Il venture builder chiude un round da un milione di euro e due startup ricevono 100mila euro ciascuna dalla holding IH1

Pubblicato il 23 Giu 2023

I fondatori di Deeva

Lanciate lo scorso aprile, le nuove startup create dallo Startup Studio Mamazen, Deeva, nuovo nome di Parrucchiere Facile, piattaforma di prenotazione per parrucchieri a domicilio, e Pelo Matto che permette di organizzare direttamente a casa la toelettatura dei propri amici a quattro zampe, chiudono un round pre-seed da 100mila euro ciascuna, grazie all’investimento di IH1, la holding di partecipazioni dello Startup Studio torinese.

I finanziamenti serviranno soprattutto a supportare la prima fase di sviluppo delle due startup, specialmente nel miglioramento delle piattaforme tecnologiche e nelle attività commerciali.

“Entrambe le startup nascono in seguito a un preciso programma di validazione da parte del nostro team – dichiara in una nota Farhad Alessandro Mohammadi, CEO e co-fondatore di Mamazen – grazie al percorso di creazione dello startup studio, che si basa sempre su un’accurata indagine preliminare del mercato, volta a individuare le reali necessità degli utenti. Il tasso di fallimento di una startup creata da uno Startup Studio infatti si riduce fino al 40% a fronte dell’86% di quelle tradizionali e viene dimezzato il tempo necessario per arrivare alla Exit”.

Aumento di capitale da un milione per Mamazen

La holding di partecipazioni IH1 ha inoltre terminato l’investimento di un milione di euro nello Startup Studio Mamazen, con lo scopo di finanziare e supportare la creazione di nuove startup, coprendone i costi operativi e acquisendo così indirettamente quote in ciascuna startup creata. Dalla sua nascita a fine 2021, holding IH1 ha raccolto 4,2 milioni di euro.

DIGITAL360 AWARDS
Candida il tuo progetto e diventa promotore della trasformazione digitale!
Open Innovation
Startup

IH1 nasce a settembre 2021 secondo il dual entity model, che prevede l’unione di un venture builder e di un fondo, o, come in questo caso, di una holding di partecipazioni, che lavorano in modo distinto ma complementare, generando vantaggi per ambo le parti. Il primo investimento della holding è stato quindi proprio nello studio e, in un secondo
momento, direttamente nelle startup più meritevoli tra quelle create dallo studio.

Nei mesi scorsi, la IH1 ha già investito 250mila euro in Morsy, la startup foodtech torinese che ogni giorno consegna 300 pasti di qualità ai dipendenti di 145 aziende di Torino, e 150mila euro nella proptech Inpoi, che effettua valutazioni immobiliari online, supportando sia le agenzie che i proprietari di immobili.

“Questo modello di investimenti ci consente di portare avanti un lavoro di alto livello qualitativo – conclude Farhad Alessandro Mohammadi – . Con quest’ultimo aumento di capitale, infatti, riusciremo a pianificare nuove analisi per individuare reali buchi di mercato e realizzare dei prodotti e dei servizi che portino un concreto valore aggiunto nella società in cui viviamo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3