Brevettata in Italia la prima protesi bionica al mondo completamente adattiva
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
Brevettata in Italia la prima protesi bionica al mondo completamente adattiva

E’ sviluppata da BionIT Labs la protesi bionica per il braccio che utilizza una tecnologia rivoluzionaria che le permette di adattare autonomamente la presa

BionIT Labs è una startup innovativa italiana nata a febbraio 2018 a Lecce, che sviluppa dispositivi medici innovativi coniugando tecnologie informatiche con la bionica, con l’obiettivo di “Trasformare le disabilità in Nuove Possibilità”.

Attualmente sta sviluppando Adam’s Hand, la prima protesi bionica al mondo completamente adattiva, basata su un meccanismo brevettato in Italia ed in fase di brevetto in Europa, USA, Cina e India, che ne rende l’utilizzo estremamente semplice.

Adam’s Hand è infatti una protesi mioelettrica della mano che utilizza un solo motore (invece dei 5-6 generalmente utilizzati da altri competitors) per muovere tutte le dita, facendo in modo che queste si adattino automaticamente a forma e dimensioni degli oggetti impugnati: l’utente non deve quindi selezionare nessuno schema di presa preimpostato, come accade nel caso di tutti i dispositivi bionici dei competitor, ma solo decidere se aprire o chiudere la mano, ed è quest’ultima che esegue automaticamente la presa più adatta per ogni oggetto da afferrare.

La società si è aggiudicata la scorsa estate un finanziamento da € 300mila, vincendo il bando Tecnonidi della Regione Puglia. Ha inoltre chiuso con successo e in overfunding una campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd che ha raggiunto i 200mila euro.

BionIT Labs risponde a un bisogno specifico: gli amputati di arto superiore al mondo sono più di 3 milioni e ogni anno più di 100.000 persone perdono l’utilizzo dell’arto superiore a causa di amputazioni dovute a traumi, malattie vascolari, malformazioni congenite e neoplasie, per un bisogno potenziale di oltre 500.000 dispositivi l’anno.

Come funziona la protesi bionica in un’infografica

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

20 novembre 2019

Categorie:

Italian Startups, Video


Articoli correlati
Video Consigliati
reply