space tech

D-Orbit si prepara al nuovo lancio con Spaceflight e Kleos Space

La space tech italiana porterà in orbita i satelliti di Kleos Space per il riconoscimento delle frequenze radio, il lancio è previsto per aprile 2022

03 Mar 2022

D-Orbit, la società space tech che recentemente ha annunciato di puntare alla quotazione al Nasdaq fondendosi con la Spac Breeze Holdings , rende noto di vare firmato un contratto di lancio con il lanciatore statunitense Spaceflight per aggiungere al proprio manifesto di volo quattro satelliti di Kleos Space, azienda che fornisce dati spaziali  per il riconoscimento di frequenze radio secondo un modello data-as-a-serivice (DaaS). I satelliti voleranno a bordo della prossima missione di ION Satellite Carrier, la piattaforma satellitare proprietaria per il rilascio di precisione di satelliti in orbita e la dimostrazione di nuove tecnologie nello spazio, il cui lancio è previsto nel mese di aprile 2022 nell’ambito della missione Transporter-4 di SpaceX.

Originariamente previsto a bordo del veicolo di trasporto orbitale (OTV) di Spaceflight nella missione SpaceX Transporter-3 nel gennaio 2022, il lancio della Patrol Mission di Kleos (KSF2) è stato riprogrammato dopo che il veicolo ha dovuto sbarcare dal Falcon 9. D-Orbit ha quindi collaborato con Spaceflight per ospitare alcuni clienti del lanciatore americano a bordo di ION. Tra questi, i satelliti di Kleos sono stati reindirizzati sul prossimo lancio di aprile 2022.

“Le applicazioni della Patrol Mission sono un perfetto esempio di come i satelliti possano avere un impatto positivo e migliorare la vita sulla Terra – dice in una nota  Renato Panesi, CCO di D-Orbit -. Siamo felici di avere Kleos a bordo della nostra prossima missione e orgogliosi della reattività con cui la nostra squadra ha gestito questo cambiamento nella configurazione di ION, lavorando a stretto contatto con Spaceflight”.

Lanciati in un’orbita eliosincrona, i satelliti della Patrol Mission si uniranno agli otto satelliti già in orbita per localizzare le trasmissioni radio in aree chiave di interesse in tutto il mondo, scoprendo efficacemente i punti dati per smascherare le attività illegali sulla terra e in mare. La costellazione di dodici satelliti rileverà e geolocalizzerà le trasmissioni in radiofrequenza entro 300 metri, migliorando le capacità di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) di governi ed enti commerciali.

“Ci impegniamo a far arrivare i payload dei nostri clienti esattamente dove devono essere, quando devono esserci – afferma  Tony Frego, VP della gestione delle missioni di Spaceflight – . Quando il lancio originale di Kleos è stato ritardato, abbiamo collaborato con D-Orbit per ri-manifestare rapidamente i satelliti. Il nostro lavoro con D-Orbit in questa missione è un grande esempio di collaborazione industriale per garantire che i satelliti arrivino in orbita in modo tempestivo”.

Il team di D-Orbit ha lavorato in stretta collaborazione con Kleos e Spaceflight nell’esecuzione di tutte le operazioni necessarie per adattare e integrare i satelliti a bordo della piattaforma satellitare di D-Orbit.

Il CEO di Kleos, Andy Bowyer, aggiunge: “L’intero team di Kleos accoglie con favore questa rapida svolta e la grande collaborazione per lanciare e schierare i satelliti di Patrol Mission nell’aprile 2022. Questi quattro satelliti aggiuntivi aumenteranno ulteriormente le nostre capacità di raccolta dati e ISR”.

D-Orbit ha lanciato il suo primo ION nel settembre 2020 a bordo di un vettore VEGA di Arianespace, seguito da altre tre missioni di volo eseguite nel gennaio 2021, giugno 2021 e gennaio 2022, rispettivamente a bordo delle missioni Transporter-1, Transporter-2 e Transporter-3 di SpaceX. Il prossimo lancio è previsto per aprile 2022, come parte della missione di ION denominata Spacelust.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2