vc voice

Growth Capital avvia le operazioni in Spagna

La banca di investimento italiana per il settore tech e VC, che realizza anche il programma A-Road e l’analisi trimestrale sugli investimenti, apre una nuova sede a Madrid

Pubblicato il 14 Dic 2023

Il team di Growth Capital

Growth Capital la banca di investimento per il settore tech e venture capital, già attiva in Italia con una serie di progetti che includono anche un programma di accelerazione e la prima analisi trimestrale sull’andamento degli investimenti in startup, espande la sue presenza internazionale entrando nel mercato iberico con l’apertura di una nuova sede a Madrid con l’obiettivo è contribuire alla crescita del venture capital in Spagna e supportare l’ecosistema startup locale.

Composto da otto persone, il team spagnolo è guidato dal vice presidente Andrea Casati, supportato dalla rete internazionale di senior advisor che quotidianamente affianca tutta la squadra di Growth Capital nelle attività di scouting internazionale. L’intento è crescere velocemente nel mercato, acquisendo clienti nei settori più dinamici dell’ecosistema startup spagnolo e inserendo in organico nuovi professionisti del territorio, facilitando la connessione tra gli ecosistemi europei attraverso operazioni cross-border, che coinvolgono operatori di più Paesi europei.

“Attraverso un network internazionale e un team che vanta professionisti eccellenti del venture capital, assistiamo le migliori tech company ad alto potenziale in tutte le fasi più complesse di fundraising e M&A e supportiamo gli investitori nell’individuare i deal e i trend più promettenti sul mercato – spiega in una nota Fabio Mondini de Focatiis, founding partner di Growth Capital – . I nostri mandati per startup, corporate e investitori hanno un tasso di successo che supera il 90%, dovuto all’accurato processo di selezione, al bilanciamento degli interessi delle parti coinvolte e alla strutturazione di operazioni mirate ad assicurare il miglior fit strategico-finanziario. In linea con la nostra strategia di internazionalizzazione, inoltre, quest’anno abbiamo ampliato le operazioni con investitori di nazionalità diversa dalla scaleup, con importanti successi anche in settori molto diversi tra loro”.

Fondata nel 2019, Growth Capital è presente in Europa con le sedi di Milano, Madrid e Londra e a oggi ha supportato oltre 45 scaleup in round di finanziamento o M&A, superando i 200 milioni di euro di capitali raccolti. Grazie al suo know-how unico e alla conoscenza del mercato e dei trend del venture capital e un’ampia rete di investitori, il team di Growth Capital opera a livello internazionale: con il supporto dei senior advisor Nicolas Chaudron (Francia), Andres Echecopar (penisola iberica), Erwin Feldhaus (Germania), affianca imprenditori nella guida di società ad alto valore tecnologico assistendoli in tutte le fasi più complesse di fundraising e M&A e supporta fondi di venture capital, family office, holding di investimento e corporate nelle loro strategie di investimento.

Le opportunità della Spagna

“La Spagna si sta confermando come uno dei mercati più interessanti e con maggiore potenziale per il venture capital, dato confermato anche dall’ampia presenza di investitori internazionali nei round spagnoli – dice Andrea Casati -. Growth Capital ha scelto di puntare su questo Paese per proseguire il suo processo di internazionalizzazione e rafforzare la propria posizione di top investment bank tech a livello europeo: metteremo a frutto l’esperienza internazionale consolidata su fundraising e M&A e il nostro network per contribuire alla crescita dell’ecosistema innovazione spagnolo”.

WHITEPAPER
Ecco il toolbox tecnologico di cui la tua azienda ha (molto) bisogno
Realtà virtuale
Open Innovation

Fra le operazioni cross border più importanti seguite nel 2023, spicca la recente acquisizione da 26 milioni di euro di Hyris, società hi-tech attiva nel settore biotech, da parte di Ulisse Biomed, healthcare biotech company quotata su Euronext Growth Milan, in cui Growth Capital ha svolto il ruolo di financial advisor per Hyris.

Nell’acquisizione dell’azienda di pet care italiana Kippy da parte di Datamars, fornitore svizzero di soluzioni di identificazione e gestione dei dati per i mercati degli animali, Growth Capital ha coordinato l’operazione in qualità di unico advisor finanziario per Kippy dopo aver supportato la società in diversi round di finanziamento (capitale raccolto di oltre 5 milioni di euro).

Inoltre, ha affiancato come consulente strategico Caracol, azienda italiana leader nella stampa 3D industriale di grandi dimensioni, nelle operazioni di espansione in USA, dove a settembre 2023 ha aperto il quartier generale ad Austin, in Texas, dopo aver supportato la società in un round Serie A da 11 milioni di euro.

Nel 2021, Growth Capital ha ampliato il suo network dando vita a A-Road, programma di accelerazione e fundraising dedicato alle scaleup più promettenti che vogliono intraprendere un percorso per arrivare rapidamente al round serie A: a oggi, ha registrato nove fundraising e due M&A completati dalle realtà selezionate nei primi tre batch. Il programma ha partner di rilievo internazionale tra cui McKinsey & Company, Amazon Web Services, Legance, Carter&Benson e Sisvel.

Dal 2022 Growth Capital realizza l’Osservatorio Trimestrale sul Venture Capital in Italia: un’iniziativa che contraddistingue l’azienda nel settore e che Growth Capital punta ad allargare anche alla Spagna, per analizzare su base trimestrale l’andamento degli investimenti e i trend del venture capital e offrire un raffronto tra il mercato del venture capital spagnolo e quello dei principali Paesi europei.

Inoltre, Growth Capital mette a disposizione il proprio know-how producendo e diffondendo documenti utili sia per le startup sia per gli investitori. Tra questi, spiccano il template del SAFE, il term sheet per un round serie A e il glossario del venture capital. La società pubblica anche report riguardanti diversi ambiti di interesse, che spaziano dal settore alimentare a quello della componentistica nautica, passando per il travel e l’HR tech. L’obiettivo è studiare il settore del venture capital a 360°, esaminando i vari settori e individuando i principali trend emergenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4