vc voice

IH1 chiude l’anno con il closing a 5 milioni di euro

La holding di Mamazen da il benvenuto a nuovi investitori e si prepara a sviluppare la strategia che la vede impegnata a lanciare 15 nuove startup entro il 2026

Pubblicato il 19 Dic 2023

I fondatori di Mamazen

IH1, la holding di Mamazen, conclude il 2023 con un nuovo closing di 5 milioni di euro raccogliendo 1,4 milioni da febbraio, quando era stato raggiunto il precedente obiettivo di 3,6 milioni. Prosegue quindi la crescita del progetto dello startup studio che mira a fondare 15 imprese ad alto potenziale entro il 2026.

Con questa operazione entrano nel capitale Vincent Murphy, advisor e investor ingegnere meccanica con forte esperienza in data analysis e market researcher, Luca Campaiola investitore con pluriennale esperienza nel mondo dei venture capital, nell’innovazione e negli investimenti con particolare focus sul settore della tecnologia e delle scienze della vita e Francesco Tarantino imprenditore e business angel esperto in progettazione europea, formazione, innovazione, business development e internazionalizzazione. Ultimo ingresso nel capitale è quello di Giulio Di Blasi esperto di social impact e migrazioni a livello globale, che al momento ricopre la posizione di vice president del Refugee Hub Canada.

Dual entity model

“La holding IH1 sta affrontando un percorso di crescita importante che ci dà molta soddisfazione – commenta in una nota Farhad Alessandro Mohammadi, CEO di Mamazen – questo a dimostrazione della fiducia che gli investitori ripongono in uno startup studio che da sempre analizza con professionalità il mercato e risponde ad esso con realtà imprenditoriali vincenti”.

WHITEPAPER
Password Sicura: La guida definitiva per creare parole chiave inviolabili e facili da ricordare
Privacy/Compliance
Disaster recovery

Questo il compito di Mamazen, startup studio che si basa sul dual entity model, un modello di investimento statunitense che separa e rende indipendenti holding e studio per mantenere gli interessi degli investitori e per semplificare la governance delle startup finanziate aumentandone la velocità di accesso al capitale. Se, da un lato lo studio abbattere i rischi permettendo di sviluppare solo le idee che hanno superato la fase di analisi e di validazione sul mercato, la holding dall’altro investe soltanto nelle migliori, aumentando ulteriormente il de-risking dello studio.

Attraverso questo modello sono state lanciate startup come Morsy, corporate canteen 100% data driven, Inpoi,  startup digital per il settore immobiliare , Orangogo portale che aiuta gli appassionati di sport a scoprire le attività sportive geolocalizzate nel territorio, Deeva hairdresser e Pelomatto pet service.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3