Venture capital, il primo investimento di FII Tech Growth è BeMyEye,
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
Il primo investimento di FII Tech Growth è BeMyEye, 6,3 milioni

Il nuovo fondo di venture capital FII Tech Growthdi cui abbiamo scritto,  annuncia il suo primo investimento in BeMyEye, società fondata nel 2011 da Gian Luca Petrelli, oggi leader nell’in-store data via crowdsourcing.

Il fondo FII Tech Growth ricordiamo che ha la missione di sostenere la crescita di scaleup e BeMyEye è certamente una delle principali società scaleup italiane, tra quelle che (oltre ad aver già realizzato un’importante acquisizione, essere oramai leader nel suo settore, con risultati e strategia internazionali impressionati) hanno ad oggi ricevuto più investimenti. L’operazione chiusa con FII Tech Growth prevede un investimento complessivo da parte del Fondo italiano di 6,3 milioni di euro, a fronte della sottoscrizione di una quota di minoranza, nell’ambito di un aumento di capitale per complessivi 9,0 milioni di euro a cui prendono parte anche gli altri soci finanziari già presenti nella compagine azionaria, e cioè 360 Capital Partners, Programma 101 e Nauta Capital. BeMyEye aveva incassato nel 2016 un grosso investimento (series B) pari a 6,5 milioni, che si aggiungeva a due milioni raccolti di funding round nel 2014. Complessivamente questa società che ha sviluppato una piattaforma per la raccolta di dati in modalità crowdsourced ha raccolto oltre 17 milioni di euro.

“L’ingresso di Fondo Italiano – dichiara, in una nota, Luca Pagano, CEO di BeMyEye – rappresenta un passo fondamentale nella fase di crescita dell’azienda. Abbiamo ambizioni globali, con una domanda sempre crescente da parte di grandi clienti internazionali che ci spingono a entrare velocemente in nuovi mercati. Questa nuova iniezione di capitale sarà volta soprattutto ad accelerare l’espansione geografica e la standardizzazione su scala globale dei nostri prodotti chiave”. “Con l’investimento effettuato oggi in BeMyEye – afferma Carlo Mammola, amministratore delegato di FII SGR – prende ufficialmente il via l’attività di sostegno da parte di FII Tech Growth alle nostre PMI ad elevato tasso tecnologico, con l’obiettivo di supportarne la crescita e di rafforzarne la competitività a livello internazionale”.

Cosa fa BeMyEye

BeMyEye, sfruttando l’enorme potenziale del crowdsourcing, fornisce insight dai punti di vendita in tempo reale a medie e grandi imprese appartenenti ai più svariati settori. Con oltre 500mila utilizzatori della sua app, che consentono l’erogazione del servizio, e oltre due milioni di visite effettuate in 17 Paesi, la società è leader in Europa nel suo settore, annoverando tra i propri clienti multinazionali quali Mattel, Reckitt Benkiser, Ferrero, MSC Crociere, Pepsi, Nestlé, Samsung, Heineken, Lavazza e L’Oreal.

L’app di BeMyEye svolge la funzione di connettore tra i propri utilizzatori sul territorio e le aziende del largo consumo in cerca di dati ed immagini da location di differente natura, utili, per esempio, a certificare la conformità degli investimenti concordati con la GDO (circa mille miliardi di dollari all’anno a livello globale), a verificare l’effettiva penetrazione sul canale tradizionale e a ottimizzare il giro visite da parte delle forze di vendita. Tutto questo al fine di perfezionare le strategie di go-to-market e migliorare i tassi di “compliance” che, dalle rilevazioni svolte da BeMyEye per conto di centinaia di clienti a livello europeo, toccano livelli medi del 60%, producendo un enorme spreco di risorse e mancati incassi per il settore.

BeMyEye copre oggi direttamente tramite propri uffici commerciali, oltre a quello italiano, anche i mercati di Regno Unito, Francia e Spagna, e svolge rilevazioni in 17 Paesi dell’Unione Europea e grazie all’investimento di FII Tech Growth, completerà la copertura dell’Europa e si espanderà in altri continenti seguendo la crescente domanda del mercato.

 

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

21 novembre 2017


Articoli correlati
reply