ScaleIT, investimenti in contrazione nei primi 4 mesi del 2019
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
ScaleIT, investimenti in contrazione nei primi 4 mesi del 2019

Nei primi quattro mesi del 2019 gli investimenti in start-up e scale-up in Italia sono in contrazione. Lo rileva l’analisi di ScaleIT, la piattaforma evento che favorisce l’incontro tra gli investitori internazionali interessati a realtà ad alto potenziale (con round di serie A, B e C da 3 a 30 milioni di euro) e le migliori scaleup italiane e dell’Europa sudorientale.

Secondo i dati l’ammontare complessivo degli investimenti si è fermato a poco più di 92 milioni di euro, contro i quasi 135milioni di euro registrati nei primi quattro mesi del 2018.

“Rileviamo – afferma a Startupbusiness Lorenzo Franchini, fondatore di ScaleIT – che tale flessione è consistente nonostante siano del tutto sparite le ICO che tra gennaio e aprile del 2018 hanno pesato per circa 30milioni di euro. Registriamo una crescita del crowdfunding for equity che è passato da poco più di 5 milioni di euro a oltre 13 milioni di euro e notiamo che si è ribaltata la percentuale tra gli investimenti fatti da fondi italiani rispetto a quelli fatti da fondi internazionali: nel 2018 la percentuale era 54 a 46 a favore degli internazionali, oggi è del 57,8 a favore di quelli italiani”.

Tra i deal principali che si sono chiusi nel primo periodo del 2019 spiccano, per valore, quelli di Sweetguest , BrumbrumCasavo, Healthware .

La contrazione registrata da ScaleIT è un vero e proprio campanello d’allarme perché si manifesta come dato in controtendenza rispetto a quanto rilevato negli ultimi anni e perché rischia di fare aumentare il gap che l’Italia ha rispetto alle altre grandi economie d’Europa.

È vero che il sistema era in attesa dei decreti attuativi relativi alle norme inseriti nell’ultima Legge di bilancio, decreti che, come abbiamo scritto qui, sono arrivati, ma che lasciano aperte non poche domande. Ciò può avere influito su questi dati ma non è ancora prematuro sapere se nel proseguo dell’anno le cose miglioreranno.

Restiamo in attesa anche se, come sottolinea Franchini, è fondamentale che si mettano a punto strumenti che consentano ai grandi capitali privati di potere investire nel venture capital. Così come siamo in attesa di vedere quando e come si concretizzerà il Fondo Nazionale Innovazione che fu annunciato a inizio marzo.

Nel frattempo ScaleIT ha aperto la nuova call per le scaleup che intendono candidarsi alla nuova edizione del programma che avrà il suo culmine a Milano nei giorno 23 e 24 ottobre 2019. Per avanzare candidature entro il 30 giugno 2019 è possibile farlo dal sito di ScaleIT.

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

14 maggio 2019

Categorie:

Funding News


Articoli correlati
Video Consigliati
reply