Reverse charge per il credito Iva

Le imprese innovative, non avendo ricavi e comprando servizi da terzi, si trovano spesso ad avere rilevanti crediti IVA , esattamente il 22% delle risorse, congelate in attesa di rimborso.  E non possono re-investire in ricerca.

Secondo Livio Strazzera, commercialista e fondatore dello Studio Strazzera Dottori Commercialisti, Milano, nonchè blogger per EconomyUP, basterebbe applicare il cosiddetto “reverse charge”, almeno fino all’ammontare delle risorse raccolte proprio per ricerca e sviluppo.

Leggi qui la sua proposta

Share:

direttore
Ricevi la nostra newsletter

Pubblicato il:

17 ottobre 2015

Categorie:

Legal, Notizie, Risorse

Tag:

startup


Articoli correlati
About
Startupbusiness è, dal 2008, il punto di riferimento dell’ecosistema italiano dell’innovazione che si fa impresa, offrendo informazione, contenuti, servizi, connettendo la community italiana delle startup e il mondo degli investitori e dell’industria.
Get In touch
Ricevi la Startupbusiness Review
reply
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo.

Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy